QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Jared, 20 anni, ha dato la vita a Kabul. Biden è stato criticato per aver controllato il suo orologio durante una festa dei Marines

Vent’anni fa, Jared Schmitz era un bambino quando l’America fu attaccata l’11 settembre. La guerra che ne seguì gli costò la vita quest’anno.

Jared non ha mai capito cosa significasse l’11 settembre, dice suo padre, Mark Schmitz. Ne aveva sentito parlare, ma non sapeva com’era quel giorno oi giorni che seguirono quando l’America era unita nel lutto e in cerca di vendetta. Aveva sei mesi nel settembre del 2001.

Per suo padre, è stato un po’ come il 12 settembre 2001 quando il corpo di Jared è tornato a casa. Dolore e patriottismo mescolano ovunque la bandiera americana. Centinaia di uomini sono saliti in moto davanti al corteo funebre e i cavalcavia erano allineati con persone che desideravano salutare Jared.

Jared Schmitz, 20 anni, della zona di St. Louis, Missouri, è stato ucciso in un attentato suicida all’aeroporto di Kabul alla fine di agosto. I talebani hanno rapidamente preso il potere dopo che il presidente Biden ha ritirato tutte le forze statunitensi dall’Afghanistan. Jared faceva parte di un gruppo di soldati che si precipitavano per evacuare gli alleati.

La bara contenente i resti del ventenne Jared Schmitz arriva alla base aeronautica di Dover.AP . immagine

Aveva 20 anni, troppo giovane per ordinare legalmente una pinta a casa e alla sua prima trasmissione all’estero. Jared è stata una delle ultime vittime americane della guerra iniziata con la cattura degli autori dell’11 settembre. All’aeroporto sono stati uccisi anche dodici suoi colleghi e almeno 170 civili afgani.

I suoi amici e la sua famiglia nella zona di St. Louis dicono che il suo sorriso è contagioso. Era un fratello maggiore gentile per sua sorella minore di 10 anni, che ha bisogno di un sostegno extra a causa del suo disturbo d’ansia. “Solo un ragazzo fantastico, sono orgoglioso di essere suo padre”, afferma Mark Schmitz.

determinato

Jared voleva entrare nei Marines dopo il suo ultimo anno. Aveva solo 17 anni quando ha fatto domanda, quindi i suoi genitori hanno dovuto dare il permesso. Sua madre stava ancora cercando di dirglielo con la mente. Suo padre era orgoglioso, ma lo trovava anche intimidatorio. Jared era risoluto e iniziò ad allenarsi con devozione religiosa. Correre sulla neve e sollevare pesi quando la temperatura era di 37 gradi. Sua nonna, Debbie Zumwalt, a volte lo portava in palestra. In realtà era ancora un ragazzo, appena uscito dalla scuola. Ha visto “ma voleva essere tra i migliori”. È un sollievo che Jared abbia contribuito a garantire il futuro degli sfollati afghani e sia morto facendo ciò che desiderava così disperatamente. “Ha vissuto il suo sogno.”

Secondo suo padre, diventare un marine era molto importante per lui. Si preoccupava delle persone e voleva sempre aiutare. Nel Corpo dei Marines, potrebbe farlo su larga scala: difenderebbe l’intero paese. Per Jared, dice suo padre, non importa chi sei. “Ogni volta che vedeva qualcuno frustrato o che aveva una brutta giornata, farli ridere diventava il suo lavoro”. Ha frequentato una scuola con molte lezioni di teatro, danza e musica. I suoi amici della marina hanno condiviso video online delle danze folli che a volte praticava nel loro campo.

Padre Mark è davanti alla sua macchina con sopra una foto di Jared.  Immagine multimediale DPG

Padre Mark è davanti alla sua macchina con sopra una foto di Jared.Immagine multimediale DPG

Jared era diverso dagli altri marines, dice la ventenne Hannah Kessler, un soldato e un amico che ha incontrato al ristorante dove ha lavorato come adolescente addetto alle pulizie. All’epoca era una cameriera. I marines pensano di essere d’élite, guardano dall’alto in basso gli altri rami dell’esercito. Ma non lui. Era dolcissimo, non giudicava nulla e sapeva sempre come farmi ridere”.

Hanno flirtato un po’ al ristorante—”roba da adolescenti”, dice Hannah—e hanno chiamato la sua nuova macchina come lui. Quando erano in macchina insieme, ascoltavano il loro rapper preferito Moneybagg Yo e alzavano sempre il volume. In Afghanistan le aveva inviato delle lettere. Poche ore prima della sua morte, riceve un messaggio che è stata avvertita una bomba e che lui la ama. “Quando è morto, è morto anche dentro di me”, dice Hannah.

Mostra un video dei suoi ricordi preferiti di Jared. Due anni fa, quando era appena diventato un marine e si sentiva un re, una volta ha incontrato un ragazzo al Target che voleva una Playstation 4 ma suo padre non l’ha ottenuta. “L’ha comprato da solo con i suoi soldi, per un ragazzo che non conosceva affatto.”

le ragazze

Suo padre ride quando parla di tutte le ragazze che si sono presentate dopo la morte di Jared. “Aveva una ragazza? Circa diciassette anni, direi. Al funerale e al funerale, uno per uno: ero così e così, uscivo con Jared. Alcuni di loro non li ho mai visti.” A volte lo infastidisce il fatto che non abbiano fatto più videochiamate quando Jared si stava allenando in tutto il paese o per un incarico. “Così ora ho scoperto che nel suo tempo libero trascorreva il suo tempo libero con tutte queste ragazze, invece che con suo padre”.

Jared è in piscina con suo padre, Mark.  Immagine immagine privata

Jared è in piscina con suo padre, Mark.Immagine immagine privata

Jared è diventato un caporale e in quella posizione è stato inviato in una base in Giordania la scorsa estate, il suo primo incarico all’estero. Alla fine di agosto è arrivata una missione di cui non gli era permesso parlare, ma suo padre gliel’ha presa al telefono: stava andando a Kabul. “Gli ho ricordato che questa era la vita reale”, dice Mark Schmitz. “questo non è Call of Duty Non esiste un pulsante di ripristino. Poi una reazione arrabbiata. “Lo so,” disse. Suo padre pensava che suo figlio stesse bene quando ha saputo della bomba al cancello dell’aeroporto. Dopo 96 ore di lavoro senza molto sonno, acqua o cibo, Jared si è recentemente preso una pausa. Ha scritto che era troppo stanco per parlare e che il suo prossimo turno non sarebbe stato al cancello, ma sulla passerella. Fortunatamente, pensò Schmitz dopo l’esplosione: Jared non era vicino.

Teso

Suo padre non sapeva che i piani erano cambiati e che Jared era al cancello, dopotutto. Non c’era segno di vita. “Un mio amico era un marine e ho detto: ‘Amico, sono davvero nervoso. Non ho ancora avuto notizie da Jared. Amico, è appena esplosa una bomba, questi ragazzi sono occupati. Farà il suo voce udita il più velocemente possibile'”.

Quella notte il campanello svegliò padre Schmitz alle 14.30. Sulla porta d’ingresso c’erano due sagome. “Sono entrato nel corridoio, ho acceso la luce fuori sul portico e ho visto le medaglie brillare sulle loro giacche. Il mio cuore è affondato. Ricordo di aver chiesto quanto gravemente fosse ferito Jared. So che non tornano a casa per dire che qualcuno era ferito. , chiamano. Ho cercato di fingere che fosse un infortunio. “Ma in fondo sapevo perché erano lì. ”

Gridare

La visita è durata una ventina di minuti: due marine sono rimasti educati con poche informazioni, sua moglie infastidita e la sua faccia dritta. Non si parlava molto. “Ma non appena sono usciti dalla porta ero sul pavimento a piangere”.

Jared era un ragazzino con un cappello, sdraiato sull'erba con sua sorella e suo marito.  Immagine immagine privata

Jared era un ragazzino con un cappello, sdraiato sull’erba con sua sorella e suo marito.Immagine immagine privata

I giorni successivi sono nebbiosi. Diversi giorni dopo aver appreso della sua morte, i genitori di Jared si recarono a Dover, nel Delaware, all’arrivo dell’aereo che trasportava la sua bara. Il capo era lì e Mark Schmitz era seccato. Joe Biden ha guardato più volte l’orologio durante la cerimonia, come se avesse qualcosa di più importante da fare. “Ho detto a mia moglie: se lo fa di nuovo, griderò che ore sono, più forte che posso”. Ha deciso di non fare storie, ma ha comunque pensato che fosse “la cosa più irrispettosa che abbia mai visto”. “Certamente perché lui stesso ha preso le decisioni che hanno assicurato che quei ragazzi fossero nelle bare”.

La famiglia Schmitz è arrabbiata con il presidente, che a quanto pare ha ritirato le forze statunitensi impreparate. Schmitz incolpa il presidente Biden per la morte di suo figlio. “Lo studente può prendere decisioni con un risultato migliore. È stato un disastro assoluto, un errore enorme”. E ciò che lo fa arrabbiare ancora di più: “Nessuno nel governo o nell’establishment della difesa è da biasimare”.

In effetti, non voleva incontrare il capo dopo la cerimonia di arrivo, ma gli venne in mente che Jared voleva che raccontasse la sua storia. La madre di Jared ha mostrato al presidente l’ultima foto che gli aveva scattato. Suo padre ha detto a Biden che era Jared. Non dimenticare mai il suo nome e quello degli altri dodici, e per favore impara la loro storia. “Si è girato verso di me e ha abbaiato: conosco le loro storie”, descrive Schmitz. Dice che sembrava che il presidente gli stesse dando un pugno in faccia. “Ma non valeva la pena andare in prigione per questo.”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden osserva la bara contenente i resti del ventenne Jared Schmitz mentre viene scaricata alla base dell'aeronautica di Dover.  AP . immagine

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden osserva la bara contenente i resti del ventenne Jared Schmitz mentre viene scaricata alla base dell’aeronautica di Dover.AP . immagine

usi

Biden voleva chiamarlo di nuovo in seguito, ma Mark Schmitz ha detto a un impiegato della Casa Bianca che non voleva. Ha risposto quando il predecessore di Biden, Donald Trump, ha chiamato. Schmitz riproduce una registrazione di parte della conversazione. Trump ha detto che Jared è stato il “vero vincitore”.

Mark Schmitz scorre la posta in arrivo sul suo telefono, come nei giorni successivi alla morte di Jared. Solo per assicurarsi che lo dica ancora a suo figlio nei messaggi recenti. Ti voglio bene. Jared lo scrisse anche a suo padre: vi amo tutti.

La famiglia Schmitz spera che lo stato del Missouri intitoli il nuovo ponte nella loro zona a Jared. È il ponte che lo scuolabus delle sue sorelle attraversa ogni giorno. Gli manca il fratello. Suo padre scopre che il più giovane sta facendo i capricci e la dodicenne Elle sta ancora scrivendo messaggi al telefono di Jared. Ho scritto “mi manchi”. “Quando non posso vederti?”

Il fratello diciannovenne di Jared ha cercato un consiglio mentale. Padre Schmitz dovrebbe fare lo stesso, dice la moglie, ma non crede che sia necessario. Preferisce raccogliere fondi per i veterani in difficoltà, è la sua nuova missione. “Ora sono tranquillo. Quando è andato in Giordania ero molto nervoso, ma ora so il risultato. Non ci sono più sorprese che possano far male quanto è già successo”.

READ  Quattro poliziotti congolesi condannati all'ergastolo per aver torturato a morte un prigioniero