QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Jordi ha preso l’HIV mentre aspettava una pillola per l’HIV e non è solo

Jordi (vero nome noto alla redazione), registrato al processo PrEP di Amsterdam. Le persone a maggior rischio di contrarre l’HIV possono ricevere pillole PrEP lì per una piccola tassa tramite GGD. Ma non c’era abbastanza spazio, quindi Jordi era in lista d’attesa.

Pochi mesi dopo, mentre era ancora in lista d’attesa, è risultato positivo all’HIV. “È stato davvero un grande shock”, ha detto a RTL Nieuws. “Sai che l’HIV è permanente.” Jordi ha sofferto principalmente mentalmente. “I pensieri negativi scorrevano costantemente nella mia testa, come: ora sono devastato e non troverò mai un partner. Ho anche sperimentato che le persone non osano più toccarmi per paura di infettarsi. Anche se non puoi trasmetterlo se lo fanno stanno assumendo farmaci, sfortunatamente lo stigma sull’HIV L’immunità umana e l’ignoranza al riguardo è ancora troppo grande”.

Infortuni in lista d’attesa

Attualmente, ci sono circa 2.000 persone in lista d’attesa che hanno indicato di volere la PrEP. Le pillole anticoncezionali proteggono quasi il 100 percento dell’HIV. Ma per alcuni l’attesa è stata così lunga che hanno contratto l’HIV mentre erano ancora in lista d’attesa.

Nei Paesi Bassi, secondo Aidsfonds, Circa 24.000 persone sono infette dall’HIV. Nel 2020, 411 persone erano ancora contagiate. L’HIV è ancora incurabile, ma può essere curato molto bene assumendo farmaci ogni giorno per tutta la vita.

Cinque anni sotto processo

Dal 2019, 8.500 persone a maggior rischio di contrarre l’HIV possono ricevere pillole PrEP tramite GGD a un piccolo costo. Questi includono uomini e persone transgender che hanno rapporti sessuali con uomini. Fa parte di una sperimentazione quinquennale del Dipartimento della Salute che esamina l’efficacia della PrEP. Il numero dei partecipanti all’esperimento è limitato, perché ad esso è stato riservato un massimo di 26 milioni di euro.

READ  Il nutrizionista Roddy dà un consiglio: "Ho sempre noci e pomodori a pezzetti in casa"

Mark van den Schutt del GGD nella regione di Utrecht ha notato diverse volte che qualcuno ha contratto l’HIV mentre era in lista d’attesa. “È incomprensibile che il governo stia prendendo questa decisione ora che le pillole anticoncezionali sono finalmente disponibili per la protezione contro l’infezione da HIV. Solo in questa regione, ci sono più di 300 persone in lista d’attesa. Noi, come Paesi Bassi, eravamo il più fortunato del mondo. Questa zona. In molti paesi intorno a noi, la PrEP è gratuita per tutti coloro che possono trarne vantaggio, ma non è ancora arrivata.

“Sicuro ed economico”

Un portavoce di Aidsfonds-Soa, Aids Nederland, afferma: “Immagina che il vaccino corona fosse disponibile solo su scala limitata. Nessuno l’avrebbe trovato accettabile. Tuttavia, questo è esattamente ciò che sta accadendo con la PrEP”. “Nel rapporto annuale di inizio anno, il RIVM ha chiesto al ministro di prolungare il processo di PrEP, ma lui non ha preso provvedimenti”.

Aidsfonds-Soa Aids Nederland trova incomprensibile che il ministro Kuipers si rifiuti di adottare misure per migliorare l’accesso alle pillole per la prevenzione dell’HIV. “La PrEP è uno strumento preventivo efficace, sicuro ed economico”. Il trattamento dell’HIV a vita costa circa mezzo milione di euro, mentre le pillole PrEP sono relativamente molto più economiche.

“È richiesto un ulteriore intervento per l’HIV”

L’opinione popolare è che le persone possono anche usare il preservativo per proteggersi dall’HIV. “Ma non è così semplice”, afferma Elsky Hornenburg, capo del Center for Sexual Health del GGD Amsterdam. “Promuoviamo l’uso del preservativo da decenni, ma vediamo che in pratica non è sempre possibile utilizzare il preservativo in modo coerente. Inoltre, non fornisce una protezione del 100 percento. Quindi è necessario un intervento aggiuntivo per proteggere le persone dall’HIV. “.

READ  Più di tremila persone sono morte dalla città del Brabante a causa di Corona dall'inizio dell'epidemia

“Ad Amsterdam, ora ci sono oltre 800 persone con un rischio maggiore di contrarre l’HIV in lista d’attesa per la PrEP. Pensiamo che questo sia molto negativo, perché crea una barriera per le persone che vogliono proteggersi”.

La maggior parte dei medici non prescrive la PrEP

È difficile ottenere farmaci al di fuori del test PrEP. Ci sono medici generici che prescrivono il farmaco, ma comprese le pillole ei test per le malattie sessualmente trasmissibili obbligatori (compresi i test dell’HIV e delle malattie sessualmente trasmissibili e la funzionalità renale quattro volte l’anno), questo costa circa 700 euro all’anno.

“Inoltre, una percentuale significativa di medici di famiglia sceglie di non fornire assistenza PrEP, poiché questa non rientra nelle cure primarie del medico di famiglia”, ha affermato un portavoce della National Association of General Practitioners (LHV). “Va oltre la semplice scrittura di una prescrizione, anche qualcuno deve essere adeguatamente supervisionato. È davvero importante per GGD. La pressione di lavoro tra i medici di base è davvero alta e non possono avere compiti extra”.

Jordi ora sta molto meglio, ha ricevuto molto sostegno dalla sua cerchia di amici. Tuttavia, deve tenere conto del fatto che è stato infettato dall’HIV per il resto della sua vita. “È particolarmente complicato con gli appuntamenti, perché può essere ancora difficile sapere di avere l’HIV”.

La politica non cambierà

Presentazione del Ministro Kuipers (VWS) il 21 marzo relazione annuale Dal RIVM sull’andamento della PrEP alla Camera dei Deputati. Nella lettera, ha affermato di voler attendere la valutazione finale del processo. Sarà nel 2024. È anche curioso di una valutazione intermedia della ricerca che esamini gli effetti della PrEP nel 2019-2022. La Camera dei Rappresentanti sarà informata sugli sviluppi, ma la politica per il momento non cambierà.

READ  Mi è stata posta la domanda sei svenuto?