QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Joris Nieuwenhuis è di nuovo un pilota di motocross a tempo pieno: “Non ero felice di correre su strada” | ciclocross

Joris Nieuwenhuis (Baloise Trek Lions) ha voltato le spalle al ciclismo su strada ed è tornato a pedalare al 100%. “Come ciclista su strada, sei in viaggio tutto l’anno. Come ciclista, ho tempo per progetti sociali. E ne ho bisogno”, dice l’olandese 26enne.

Nel cross di Coppa del Mondo di ieri a Maasmechelen, l’olandese barbuto è stato a lungo quarto. Un figliol prodigo del campo. Giorgio Neuenhuis.

L’olandese è alla Vuelta ormai da due mesi, come pilota del Team DSM. Ma quello non era più il suo pieno entusiasmo.

“Ho avuto dei problemi con la fuga precipitosa sulla strada e la durata delle gare”, spiega Nieuwenhuis.

“Nel gruppo pensavo spesso: ‘Cosa ci faccio qui?’ “Ho notato che non mi rendeva felice e che volevo qualcosa di diverso”.

Voglio anche concentrarmi sui progetti della comunità, ma come corridore su strada sei lontano da casa per un anno intero.

Joris Neuenhuis

Alla fine Nieuwenhuis scelse di tornare al suo vecchio amore: il ciclocross.

Oltre alle corse, l’ex campione del mondo vuole puntare anche sui progetti sociali.

“Non hai molto tempo per questo quando sei in viaggio, perché sei in viaggio per tutta la stagione”.

“Come ciclista su strada, non solo fai 3 settimane di ciclismo in Spagna (alla Vuelta), ma ti prepari anche per 4 settimane della Vuelta”.

“Quindi, nel mio caso, se guidi anche in primavera, in realtà sei via tutto l’anno. Non volevo più farlo”.

“Ecco perché ho deciso di tornare al ciclocross. Ora sono lontano da casa per un giorno solo facendo il ciclocross, lo adoro”.

READ  Discussione sul calcio. Avenatti va al Sindacato Dottorandi - Ex concorrente di STVV ad Alderweireld? - L'ultima aggiunta di Mike Trezor a Racing Genk | calcio

Sven Neese: “Questa è una bella sfida per noi”

Ai Baloise Trek Lions, Nieuwenhuis non ha esercitato molta pressione su se stesso in questa stagione. “Voglio soprattutto allenarmi come pilota di motocross e tornare al mio ritmo”.

“Voglio anche decorare il miglior punto di partenza possibile. Ora sono in quarta o quinta elementare. La mia ambizione è riprendere il comando l’anno prossimo”.

Nonostante la sua pessima posizione di partenza, Nieuwenhuis ha corso a lungo tra i primi cinque ieri, fino a quando una foratura non lo ha rallentato.

Koppenberg e Namen sono perfetti per Joris, ci divertiremo molto con lui.

Sven Ness (Direttore dei Baloise Trek Lions)

“A poco a poco comincio a pensare che con Joris abbiamo un secondo uomo (oltre a Van der Haar) che andrà in testa in questa stagione”, ha detto il team manager Sven Ness durante un crossover a Massachillen.

“Joris è una persona che naturalmente ha un sacco di colpi di scena grazie alla guida della BMX. Ecco perché passaggi come Namen e Koppenberg gli stanno così bene”.

“Guidando così tante gare su strada e la Vuelta, Joris ha perso quella potenza esplosiva. Paul Van den Bosch ora sta lavorando sodo su questo per creare qualcosa con Joris a breve termine. Questa è una bella sfida”.

“Ci divertiremo molto con Joris nelle prossime settimane”, prevede Neese.