QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

José de Koer sul ritorno dei figli Vengegard e Van Aart: “Dovranno competere contro la loro natura nel Tour”

José de Koer sul ritorno dei figli Vengegard e Van Aart: “Dovranno competere contro la loro natura nel Tour”

Era costato loro sangue, sudore e lacrime, ma Jonas Vingegaard e Wout van Aert erano finalmente pronti per il Tour de France. Dopo la lunga riabilitazione si recano al Grand Départ di Firenze con molti dubbi. José de Cauwer mette in risalto i due bambini che ritornano da Visma-Lease a Bike. “Pogacar era già il favorito, e non sarà diverso adesso”.

Dopo settimane di speculazioni, giovedì è emersa una fumata bianca dal camp Visma-Lease a Bike: la formazione olandese presto andrà al Tour de France con le punte di diamante Jonas Weinggaard e Wout van Aert.

I due leader si sono ripresi negli ultimi mesi dopo aver subito due gravi infortuni in primavera, ma secondo la loro squadra sono pronti per gareggiare in Francia. La pensa così anche il commentatore José De Cauer.

“Non andrà bene”, apre. “Ha avuto una brutta caduta, ma è successo tanto tempo fa. La sua squadra aveva anche pensato di mandarlo al Giro, ma non lo ha fatto saggiamente. Van Aert ha avuto il tempo di ristabilirsi e prepararsi per il Tour”.

Ho imparato da Van der Poel

Wout van Aert ha già guadagnato un certo ritmo competitivo al Giro di Norvegia il mese scorso. Quindi il nostro connazionale è partito con Vengegard e i suoi compagni. In un campo di addestramento in quota a Tignes. Quali ambizioni può avere la Fan Art in Francia?

“Spero che Foote e il Belgio possano fare la loro parte”, dice de Cauwer. “Che possa andare in profondità dove vuole, e magari vincere tappe e perseguire i propri obiettivi, penso che sia un peccato se dovessimo aspettare Vengegard, ad esempio, nella tappa su terra”.

READ  Guarda: Cristiano Ronaldo pone fine alla siccità con lampo di classe | Premier League inglese 2021/2022

“Ma soprattutto penso che trarrà vantaggio da questa corsa alle Olimpiadi”.

Spero che Wout riesca a raggiungere i suoi obiettivi, ma utilizzerà questo tour principalmente per i Giochi di Parigi.

José de Quir

Non è un segreto che i giochi quest’estate siano l’obiettivo principale di FanArt. Al torneo selettivo di Parigi vuole fare meglio di quanto fece tre anni fa a Tokyo, dove vinse l’argento.

“Il fatto che Van Aart ora stia correndo il Tour con l’obiettivo di partecipare ai Giochi ha qualcosa a che fare con l’anno scorso. Poi Mathieu van der Poel ha completato il Tour sotto mentite spoglie, ma ai Campionati del Mondo ha sferrato un colpo devastante poche settimane dopo. più tardi da cui la concorrenza potrebbe aver imparato.”

Missione impossibile contro Pogacar?

Van Aart ha potuto assaporare nuovamente l’adrenalina delle corse in Norvegia, e per il leader Jonas Vingegaard, questo sarà il suo primo chilometro in Francia dopo la brutale caduta nei Paesi Baschi.

“Ma indipendentemente dal fatto che Wenggaard venga eliminato o meno, vincere il terzo round consecutivo sarà altrettanto difficile contro Tadej Pogacar”, osserva De Koer.

Che Vinjegaard venga eliminato o meno, vincere il terzo round consecutivo sarà altrettanto difficile per Tadej Pogacar.

José de Quir

“Pogacar ha sempre avuto un motivo in questo negli ultimi due anni, quando ha perso il Tour. Adesso è al massimo ed è al via con una grande squadra. D’altra parte la Visma-Lease a Bike dovrà fare una corsa contro la sua natura ma questa non può portare se non ad una buona corsa.”

READ  La Roma sfida lo United, viene colpita alle orecchie come punizione | UEFA European League 2020/2021

“Per me, Pogacar era comunque il favorito, e ora non sarà diverso. Ma ciò non significa che Vengegard se ne andrà semplicemente. Inoltre, la natura giocosa di Pogacar spesso ha portato a una contro-concorrenza”.

Spezie extra

Il danese si presenta al Tour senza un ritmo agonistico. In che misura questo è considerato un difetto? “I primi giorni sono duri, ma anche se questi corridori arrivano al 95% e continuano a crescere, dovrebbero comunque avere successo”, dice de Cauwer.

“Anche Pogacar esce dalla pausa dopo il Giro. Uno come Primoz Roglic (che ha vinto il Delfinato, ndr) dovrebbe impegnarsi al massimo fin dal primo giorno”.

“Con Remco Evenepoel ci sarà più paprika”, afferma con gioia De Kuwer. “Anche noi speriamo molto per lui, ma non sappiamo veramente cosa possiamo e dobbiamo aspettarci”, ha aggiunto.

Bert e Pavo andranno alle Olimpiadi

Pavo e Bert si stanno preparando per i Giochi Olimpici di Parigi con i migliori atleti belgi. Insieme imparano a conoscere l’atleta e la sua disciplina. Sangue, sudore e lacrime garantiti.

13 episodi

Imparentato: