QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Kafka nel paese del calcio? Eupen vuole rivincita contro il Gent nonostante un apparente errore di spinta della Jupiler Pro League

Torna al Match Day 27. Il 12 febbraio, Eupen ha guadagnato un AA Gent a Kehrweg. Sul cronometro, il cecchino Ismael Privlejak ha segnato l’1-1 sparando abilmente un calcio di punizione in porta, ma l’errore prepagato nel muro è stato immediatamente notato dall’arbitro Lawrence Visser. Rifiuta il bersaglio.

Gent vince la partita con la minima differenza. Eubin non è soddisfatto, a quanto pare. Il club ha presentato denuncia all’amministrazione dell’arbitro per essersi rifiutato di pareggiare, ma ha commesso un errore in materia.

Il dipartimento arbitrale ci ha confermato la denuncia, ma “per noi non c’è stata alcuna violazione delle leggi stesse”, ha detto l’arbitro capo Stephanie Ford. Pertanto, l’arbitro non ha commesso alcun errore e la partita non dovrebbe essere ripetuta.

Caso chiuso, pensi. La sezione arbitrale conferma quello che vede ogni tifoso neutrale: un apparente push fall di Müsel su Hjulsager nel muro.

In Eupen non erano d’accordo. Il club riprenderà la FA. È dubbio che abbiano qualche possibilità lì, ma questo è un altro problema per un club in cerca di asilo in una battaglia procedurale.

Due giorni dopo la partita, la fase è stata discussa all’Eupen ai tempi supplementari. “Non è così intelligente da provare”, ha detto Gert Verhein.

“Perché secondo le regole devi stare a un metro di distanza dal muro avversario. Non puoi più stare davanti a lui. I giocatori lo devono sapere”.

Le foto divertenti di Gert Verheyen dai nostri archivi dimostrano che i giocatori potevano stare contro il muro di un avversario.