QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Karista (14 anni) vince The Voice Kids: ‘Il teatro è la mia seconda casa’

Aveva detto a due amici un segreto, ma a tutte le altre persone a lei vicine, Karista era rimasta in giro con il segreto per un mese. Perché lei aveva I ragazzi della voce vincere – vincere. “Molto strano”, ride. “Tutti mi facevano domande o mi auguravano buona fortuna quando tutto era già inscatolato”.

In finale, Karista è stata influenzata dalla canzone gioioso gioioso. “C’era più pressione che durante le qualifiche. Ho instillato in me stesso che devo davvero simpatizzare con la canzone. È andata bene. È stata la mia migliore esibizione. Tuttavia, non è una canzone facile, perché all’inizio è difficile seguire il ritmo .”.

seconda casa

Il suo percorso non è stato privo di difetti. Julia dei K3 non pensava che l’audizione alla cieca fosse buona al cento per cento, perché Karista ha messo in scena un intero spettacolo sul palco. “Pensavo che avesse ragione. Ma nel mondo della musica, non si tratta sempre del miglior suono. Il quadro generale deve essere giusto. A questo proposito, sono rimasto soddisfatto della mia performance”.

Durante i seminari, l’allenatore Duncan Lawrence ha insistito affinché Karista si sentisse a suo agio. Sa molto bene come disinnescare situazioni stressanti. E credeva che fosse importante mantenere la propria individualità sul palco. Ripensando alla partita, penso di essere uscito più forte. Non solo nel personaggio, ma anche musicalmente. Prima di allora, non pensavo di andare molto lontano, ma quando è arrivata la spinta, ho sentito cosa potevo fare. Sono diventato più sicuro. Sono timido e tranquillo, ma mi butto sul palco perché sono nel mio elemento. Il podio è la mia seconda casa”.

vangelo

La mela non cade lontano dall’albero: nella famiglia Karista il canto è un fatto quotidiano. “Mia madre cantava come corista di Will Tora, e quel canto era contagioso. Tutta la nostra famiglia canta nel coro della chiesa di cui mio padre si prende cura”.

Questa è la Chiesa dell’International End of Harvest Services ad Anversa. C’è un servizio ogni domenica. “Il mercoledì c’è uno studio biblico. La fede è importante per me. A causa della mia situazione a casa, la musica gospel è diventata onnipresente e anche uno dei miei generi musicali preferiti”.

Karista sa che i giovani ascoltano molto la musica hip-hop o R&B. “Ma il gospel si evolve con i tempi. In questo modo hai anche canzoni r&b e soul nel gruppo gospel”.

Non collegata

Lo studente ad Anversa studia latino all’Unzee-Life-Frue College, ma passa alle discipline umanistiche. “Perché mi interessa come pensano le persone e cosa succede nel cervello. Il latino è una materia difficile e quegli esami di giugno saranno impegnativi. Ma penso che passerò. “

Come vede il futuro Karista? “Se ne avrò la possibilità, voglio continuare con la musica”. Lei stessa è una fan di Chandler Moore. O Whitney Houston. Pensavo che la sua voce fosse unica”.

La vittoria è accompagnata da una borsa di studio di 10.000 euro e Karista ha potuto registrare il suo primo singolo, che uscirà dopo la finale. “Copia di proprietà di manette(ti lodino), un colpo di Mary Mary, prodotto dagli assistenti allenatori Remko Kohney. Una canzone sul non sentirsi sempre bene con te stesso, ma a volte devi osare lasciar andare tutto. Questo tipo di musica rende le persone felici”.

Prima che fosse Karista I ragazzi della voce imbarazzato. “All’inizio ero terrorizzato da tutto. Quelle interviste, cantando con queste cuffie… non l’ho mai fatto. Ma allora era così divertente! Posso sempre chiamare il coach Duncan se ho bisogno di un consiglio”.

READ  Star Wars sta portando questi cattivi nella vita reale per la prima volta?