QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Karl Vannieuwkerke: “Adoro guardare la gara femminile proprio come quella maschile”

Karl Vannieuwkerke: “Adoro guardare la gara femminile proprio come quella maschile”

un’intervista

Il punto di arrivo del Tour de France è stato domenica scorsa sugli Champs-Elysees. Ma non era così Vive Le Velo. La troupe del talk show è rimasta in Francia e ha aggiunto una settimana in più con il loro primo tour femminile. “La stessa logica”, dice il conduttore Karl Vanneukerk. lampo ciclico È andato a Diksmuide poco prima dell’inizio del tour per fare una lunga chiacchierata con uno dei volti di VRT.

Quest’anno Karl Vannieuwkerke ha ricevuto un incarico aggiuntivo al VRT. A causa del ritiro forzato di Michelle Wittes, al 51enne West Fleming è stato chiesto di assumere il ruolo di commentatore in primavera. Anche se Vannieuwkerke non si è arreso immediatamente quando ha ricevuto l’offerta.

“Non me lo aspettavo nemmeno io”, dice. “Nel 2001 stavo davvero uscendo, poi con Mark Uytterhoeven. All’epoca ero ancora verde dietro l’orecchio. Dopodiché ho partecipato ad alcune competizioni con Michel, ma non molto. E per un po’ sono stato co-hanger con Renate e Michel in una serie di grandi tournée. Pensavo che la mia forza risiedesse nella sottomissione. Questo è stato uno dei motivi per cui non sono saltato subito fuori dal mio posto quando Peter de Wendt (redattore capo di Sporza, editore) ha proposta a me un anno e mezzo fa”.

uno di?
Inoltre, avevo già un’agenda abbastanza completa. Un’altra domanda era se la mia decisione avesse avuto conseguenze su ciò che sarebbe accaduto a Michelle e Waits. Sembra che non sia così. Michel ha dovuto ritirarsi e, se non l’avessi fatto, Peter avrebbe bussato alle porte degli altri. Aveva anche un piano chiaro: gare femminili di Robin (Van Gucht), grandi tournée di Rinat (Schote). Hanno anche diviso la stagione del ciclocross. Quindi sarò surclassato nelle grandi gare di un giorno con Jose. “Penso che tu possa e sarai l’unico che non sarà paragonato a Michelle‘ sembrava.”

Quale approvato rapidamente?
“La domanda è arrivata a marzo 2021. L’ho lasciato annegare per un mese. Ad aprile, dopo la trasmissione di un Vive le velo, viva RondeNe ho parlato con Jose de Coeur. Non sapeva ancora niente. Gli ho raccontato la storia e ho chiesto la sua opinione. All’inizio non disse niente, ma mi prese e me lo diede cercapersone (bacio rosso). “Lo farai, vero? Ne sapevo abbastanza. “

l’hai amata?
“Ci siamo divertiti, sì. E abbiamo ricevuto molti ottimi feedback, anche dai piloti. Si è scoperto che l’interazione tra me e Jose è stata un successo”.

Hai adottato consciamente o inconsciamente cose da Michelle Yates? o no?
Ogni commentatore ha il suo stile. E tu non vuoi davvero Timbro di Michele Sono incollati, ma inconsciamente le cose si insinuano comunque. Michel ha fornito commenti colorati in tutti questi anni. Le cose restano nella memoria collettiva. Personalmente, ho uno stile meno persuasivo di Michelle, credo. È anche la mia forza a tavola”.

READ  Presto con altri in tavola al bar ea casa? Comitato consultivo...

“Mostra empatia, ascolta e cattura quello che sta succedendo. Non mi sono mai seduto a un tavolo con un’impostazione scritta. In 25 anni non ho mai usato un autocue. Ma parole chiave e argomenti. Poi il mio editore si aspetta. Si accorge che” m seguendo una conversazione e spostando un blocco. Poi spostandomi nella direzione.”

Quanto è importante per te che De Cauwer rimanga a bordo?
“Forse non ce l’avrei fatta senza Jose. Siamo gli stessi due, giusto? Vediamo qualcosa velocemente, sappiamo dove sta andando, ci capiamo. E l’interazione funziona. Lo notiamo anche nella reazione di gli spettatori. A Jose è stato dato più spazio rispetto a prima perché mi alleno di più ad ascoltare con moderazione al tavolo. C’è più interazione. “

Quali sono per te le più grandi capacità di De Cauwer?
“Prima di tutto è la sua memoria. Questo è molto evidente. Pensi, quando invecchio… ma non lascia nulla dietro. Sia la sua memoria a lungo che quella a breve termine sono quasi intatte. Ne sono persino geloso. A volte il mio disco della memoria a breve termine è pieno Molto rapidamente. Ha anche opinioni forti, ma lo fa senza far cadere nessuno. Di questo è rispettoso. Come direttore sportivo, è stato un responsabile delle personeEhi. Ha portato questa esperienza con sé nel suo ruolo di co-commentatore”.

A volte vieni accusato di essere eccessivamente sciovinista…
“Non ho problemi con quello. La partecipazione è importante? Se i Red Devils giocano contro la Francia, perché non il telecronista con i Devils? Se Wout van Aert è in testa al Tour con Mathieu van der Poel, questo è un altro Ma quando esce con Benoît Cosnefroy, non dovresti sostenerlo? Devi avere quell’esperienza con le persone.

“Questo è relativo, tra l’altro. I fan sentono quello che vogliono sentire sul passeggero. Ricordo di aver commentato le partite di tennis tra Kim e Justin. Poi ho ricevuto e-mail da Camp Clijsters che dicevano che mi piace molto Justin, ma sono diventato quasi identico messaggi da Camp Hénin”.

Karl Vanokkerke si prepara per il tour con la nostra rivista RIDE – Foto: © Nico Dick

Tieni conto che una parte del tuo pubblico è olandese?
“Sì. Se belgi e olandesi sono in vantaggio, ci concentriamo su entrambi. Questo vale anche per Vive le Vélo, tra l’altro. Molti olandesi sono coinvolti”.

READ  Riepilogo del GP americano di F1: la vittoria tattica di Verstappen rafforza il vantaggio in campionato

Per iniziare con te stesso. È necessario? Niente contro Marijn de Vries o Bram Tankink, per esempio, ma nessuna alternativa fiamminga?
“Siamo sempre alla ricerca della chimica sulla nostra tavola. Di recente Eddie Merckx mi ha fatto questa domanda durante una cena. Quest’anno abbiamo 28 episodi, il che significa 84 ospiti. Ho chiesto a Eddie di inserire i nomi. Anche lui non si è allontanato lontano. Non è così chiaro, mentre siamo aperti a nomi Nuovi”.

“Invece di due ospiti, siamo passati a tre tempo fa, e uno di loro è sempre un vero analista. Quando hai due ospiti che non sono direttamente legati alla gara, è difficile analizzare la tappa e questo limita le mie domande in quanto un presentatore Dopotutto, non vuoi denigrare i tuoi ospiti.

Quali criteri devono soddisfare gli analisti e gli altri ospiti?
“Dobbiamo raggiungere un vasto pubblico per quattro settimane, ma senza davvero togliere nulla alla gara. In effetti, Marijn de Vries e Bram Tankink sono buoni esempi. Bram è molto affascinante e divertente a volte, Marijn brilla sullo schermo. Possono esprimere lei magnificamente, dare un parere e garantire Interazione, che è anche importante. Capiscono anche come funziona. “

Inoltre, gli analisti devono anche impegnarsi a seguire il corso durante tutto l’anno. Anche qualcosa che non trovi con tutti. In breve, ci sono molti aspetti che si uniscono e ci sono poche persone che li uniscono. Eddie Blankart? Puoi dire quello che vuoi su Eddie, ma io sono ancora un fan. A volte è troppo eccitato, ma lo fa bene”.

Decidi tu la scelta degli ospiti?
“Ho la mia opinione al riguardo, ma il nostro team editoriale principale è composto da sei persone: due editori, tre editori e me. Ognuno di noi fa le nostre liste e poi fa brainstorming. Con ogni analista dovrebbero esserci un secondo e un terzo ospite, non necessariamente avendo molto ovviamente.Da lì cresce di più e cerchiamo di fare abbinamenti perfetti.Ho una voce importante in esso.Chi vedo sul mio tavolo, in base ai possibili argomenti.Anche se dovresti sapere che abbiamo la combinazione perfetta solo nel 40 percento dei casi. E questo a sua volta ha il suo rapporto con i piani di vacanza dei nostri ospiti o con le agende professionali dei nostri ospiti”.

Novità di quest’anno: il tour femminile. È fantastico che VRT tenga il passo con questa storia e rimanga sul posto per un’altra settimana di Vive le vélo. Comunque sembra una campionessa sportiva femminile.
Non voglio allocare quei crediti. L’ho spremuto un po’, prima con il tennis, poi con il ciclismo. Ma è andato piano. Ho sempre trovato che avesse un senso per me stesso, ma ci è voluto del tempo per crescere. Mi sono presto reso conto che maggiore era l’interesse per il ciclismo femminile, più professionale era il lavoro e più soldi avrebbe comportato. Oggi siamo arrivati ​​al punto in cui amo guardare una partita femminile tanto quanto amo guardare una partita maschile”.

READ  Che 'colpi di scena' Simone Biles ha comprato tutte quelle medaglie...

“Guarda, il ciclismo è uno sport in cui la differenza fisica non si vede proprio quando vedi uomini e donne che corrono separatamente. Riguarda il gioco tattico. Vorrei sottolineare il Giro delle Fiandre di quest’anno, dove Lotte Kubicki guida la finale dove gli uomini avrebbero giocato la finale. Non fate caso. In quel momento sta andando a una velocità inferiore di qualche chilometro all’ora”.

Vannieuwkerke presenta la porta dei nani Vlaanderen – Foto: Cor Vos

Non è vero per tutti gli sport femminili?
“E’ solo questione di tempo. Ho una figlia che gioca a calcio in prima divisione. Se potessi tifarei, ma è perché è mia figlia. Il livello non è ancora quello che dovrebbe essere. Ma gli Europei di calcio – come quest’estate – aiuta la diretta tv Le ragazze hanno iniziato a conoscersi.

Come si è sviluppato in VRT?
Anche quello era un processo. Ma posso dire che l’attuale amministrazione è pienamente impegnata in questo. Tutti si sono resi conto che domenica sera non potevamo tornare a casa direttamente dagli Champs Elysees. Questo non è più il caso. No, VRT non può certo sbagliare con la storia delle donne. Finché si tratta di qualità. Come ho appena detto, la Premier League belga di calcio femminile non è ancora pronta. Alcuni sport devono prima di tutto espandere la classe superiore”.

intorno a te. Mi risulta che l’anno scorso avevi una serie di offerte al di fuori di VRT.
“Non posso negarlo, anche se non deve essere un articolo subito. Ma ho lavorato per l’emittente pubblica per 24 anni e l’anno scorso sono passato all’indipendente. Quindi ero già disponibile sul mercato e un certo numero di altri grandi partiti dei media sono venuti – senza nomi di nomi – per parlare con me”.

Ma sei rimasto fedele a VRT. Dal punto di vista finanziario?
“Sinceramente? Avrei potuto guadagnare così tanto ovunque oltre al VRT, ma in pratica volevo fare la mia scelta per la materia. Vive le Vélo è mio figlio. L’ho disegnato da un foglio bianco. Non volevo semplicemente dare anche in termini di contenuto: quando lancio per una partita di calcio, non voglio essere limitato a tre minuti durante il primo tempo a causa dei grandi blocchi pubblicitari. Ora sono tredici minuti. Quindi puoi approfondire qualche cosa.”

Vive le Vélo, stasera alle 21:15 su One.