QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Katie Hopkins espulsa dall’Australia per inadempienza…

Il governo australiano ha cancellato il visto di Katie Hopkins. L’editorialista britannico di estrema destra è stato espulso dopo essersi vantato di aver violato le regole di quarantena del Paese.

Hopkins, 46 anni, ha trasmesso un video in diretta dal suo hotel di Sydney lo scorso fine settimana. Ha definito gli arresti “la più grande bufala della storia umana”. Sydney e Melbourne sono attualmente bloccate a causa dell’elevato numero di nuove infezioni da coronavirus. Attualmente, l’Australia sta registrando circa 100 nuovi casi al giorno a livello nazionale, che è relativamente basso rispetto ad altri paesi. Tuttavia, il governo australiano ha optato per una strategia “zero casi”.

Inoltre, Hopkins ha scherzato sui piani dettagliati per violare le regole di quarantena australiane. Nello stesso video di Instagram, che è stato poi cancellato, ha detto che avrebbe spaventato le persone portandole da mangiare aprendo la porta dell’hotel nuda e senza maschera.

Hopkins era in Australia per partecipare allo show televisivo grande fratello australiano. Tuttavia, dopo il suo sensazionale videoclip, la collaborazione è stata interrotta domenica. Il suo contratto prevedeva che non avrebbe disonorato la rete.

Lunedì, il ministro degli Interni australiano Karen Andrews ha annunciato la cancellazione del visto di Hopkins. È stata poi rimpatriata su un volo per il Regno Unito lunedì pomeriggio, ora locale. È stata anche multata per non aver adempiuto al suo obbligo di maschera.

“Doloroso per i cittadini australiani bloccati”

Tuttavia, le critiche sull’intero incidente non sono ancora passate. Vengono sollevate domande sul fatto che Hopkins sia mai stato ammesso nel paese mentre decine di migliaia di cittadini australiani rimangono bloccati all’estero. Il paese ha implementato una politica di chiusura delle frontiere dal marzo 2020 e il numero di voli commerciali internazionali autorizzati ad atterrare in Australia si è dimezzato dal 14 luglio perché le autorità erano preoccupate per l’infezione della variante delta.

READ  La fidanzata del giocatore dell'Anderlecht Wesley Hoedt si trasforma da...

Inoltre, le persone che entrano nel paese devono essere in quarantena in hotel, ma il governo ha messo a disposizione solo 3.070 posti per questo. Si stima che decine di migliaia di cittadini australiani rimangano bloccati all’estero.

“Questo è particolarmente doloroso per i 35.000 australiani ancora intrappolati all’estero”, ha detto il deputato australiano Andrew Giles. Ci sono anche molte critiche sui social.