QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Kevin Janssens esprime in “Het huis”: “Mia nonna è venuta a …

L’attore Kevin Janssens (42) – né Kevin Roels – viene a riflettere stasera su Het huis on One, su se stesso e sulla vita. Una situazione difficile con il padre biologico. Lo fa in maniera disarmante, con franchezza e onestà. “La paura di essere lasciati soli esiste.”

La presenza di Kevin Janssens sull’Amato di per sé potrebbe sorprenderti. L’attore appare spesso come un libro chiuso, raramente desidera le interviste. Ma si sta ancora giudicando contro il produttore televisivo Eric Goins. “Sono molto autocritico e ancora non del tutto insicuro nel mio lavoro. Ma credo che l’insicurezza mi tenga sveglio in qualche modo. Mi assicura che lo faccia sempre al 100% e non mi sieda sugli allori”.

Dubita delle radici di questa incertezza nella sua giovinezza. “Ho sempre sentito che dovevo mettermi alla prova. E in questa professione, vuoi anche essere amato, essere visto. Vuoi che tutti ti amino. Ma non è così, ovviamente, e mi ci è voluto molto tempo per accettalo.”

Tribunale

I ragazzi di Janssens tornano spesso in streaming. Quindi è nato nel 1979 come Kevin Royles, qualcosa che pochi sanno. “Mia madre ha lasciato il mio padre biologico quando avevo tre anni. Non era un ragazzo così simpatico. Beveva molto ed era molto aggressivo. Ecco perché voglio dimostrarmi forte, immagino”. Non mi vuoi, ti mostrerò cosa posso fare. “

Dopo l’adozione da parte del patrigno, ha cambiato nome. Anche se questo cambiamento ha portato a una dolorosa riunione con il padre biologico a corte. “Era lì, ma non ha guardato. C’era anche sua madre, mia nonna. È venuta da me e ha detto: cosa fai? Non puoi farlo. Ascolta, questa è la situazione di tuo padre là fuori. Ma ho indicato il mio patrigno e ho detto: No, questo è mio padre.

READ  Q-DJ Maarten Vancoillie dà il benvenuto a sua figlia Peppa | spettacolo

Leggi anche. Marco Borsato sul rapporto con i genitori in “Het Huis”: “Più mio padre se ne va, più mi manca”

Quando il suo padre biologico è morto, è successo comunque. Me l’ha detto mia madre prima che partissi per uno spettacolo teatrale. Sono salito in macchina e ho iniziato a gridare forte. Ho usato questo dolore su quel pezzo di notte. Allora mi hai aiutato con qualcosa, Ho creduto. Il mio rammarico è di non avergli chiesto il motivo. Questa era una cosa nelle mie relazioni successive. Ansia da separazione, paura di impegnarsi. Perché questo ragazzo in realtà mi ha detto: non ho bisogno di te. Ti senti rifiutato”.

© GIARDINO

“Molti amici sono più giovani, ma hanno stabilità nelle loro vite. Li invidio per questo. La paura di essere lasciati soli esiste”, dice Janssens.

dopo in la casa Anche speranza e ottimismo. Il film è incentrato sull’amore di Janssens per il cinema e sul suo lavoro nella videoteca di Stabroek a metà degli anni ’90. Del suo amore per il gelato e di come lo ha aiutato a guadagnare 17 kg per il suo ruolo in da patrizio: “Scongela Häagen-Dasz nel microonde e bevilo.” Lo riassume così: “Vorrei essere stato in grado di dire a me stesso di 31 anni: calmati. Va tutto bene, va tutto bene. “

Leggi anche. Cosa possiamo aspettarci da questa stagione di “House”?

(bpr)

“Casa”, uno, 20:40