QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Kurt Nielsen segna una tripletta dopo una snervante partita al gatto col topo con Peloton | Vuelta a Espana 2021

Sebbene i passaggi brutali siano terminati, a più di 3.000 altimetri, la diciannovesima tappa non è stata un’impresa facile per uno stanco gruppo della Vuelta. Bene, stanco?

Sulla pista divisa – una prima parte molto irregolare seguita da una seconda metà mite – la gara è stata di nuovo dura.

Un gruppo di testa di 18 corridori non belgi si è interessato alla zona collinare, ma l’eliminazione di Fabio Jacobsen ha ispirato DSM a trasformarla in una lunga partita a scacchi.

È passata da 1’30” a 2’30” e ritorno, ma il misterioso palco ha lentamente svelato i suoi segreti e sarebbe culminato in un’inaspettata opportunità di sprint per i veloci e potenti Bears.

Tuttavia, non sono stati serviti su un piatto. Abbastanza stranamente, che DSM si è ritirato di nuovo, BikeExchange ha dovuto pulire le dita dei piedi al servizio di Michael Matthews per mantenere tutto giocabile.

Il risveglio del DSM a 15 chilometri dal traguardo ha spostato la moneta in direzione del gruppo a spese dei sopravvissuti Lawson Craddock, Magnus Court, Quinn Simmons, Andreas Crone, Anthony Rowe, Roy Oliveira e Andrea Baggioli.

O almeno così sembrava, perché il gioco del gatto col topo ha avuto una conclusione atipica. L’ultimo petalo del crisantemo diceva che gli dei della razza amavano particolarmente il gruppo di testa.

Motor Craddock si è sacrificato per il suo compagno di squadra Cort e il lavoro di squadra è stato senza precedenti.

Dane è stato il punto di riferimento dello sprint e ha fatto un lavoro breve, il che è positivo per la sua vittoria nella terza tappa alla Vuelta. Il plutone è stato infine bloccato per 18 secondi.

READ  La morte di Evenbueil nella guerra di ghiaia in Toscana e le vittorie del secessionista Schmid | Giro d'Italia 2021