QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La 26a missione di rifornimento di SpaceX è stata lanciata con successo

Voto dell’utente: 5 / 5

La 26a missione di rifornimento commerciale di SpaceX per la NASA è partita per la Stazione Spaziale Internazionale. Con oltre 3,4 tonnellate di esperimenti scientifici, rifornimenti per l’equipaggio e altri carichi a bordo, la capsula di rifornimento Dragon senza equipaggio è stata lanciata con successo sabato 26 novembre 2022 su un razzo Falcon 9 dal Kennedy Space Center della NASA in Florida. Il veicolo spaziale cargo dovrebbe attraccare automaticamente alla stazione spaziale domenica 27 novembre e rimanere attraccato per circa 45 giorni.

Di seguito puoi trovare una panoramica delle esperienze più importanti a bordo del XXVI Dragon supply unit.

immagine sanitaria

Moon Microscope sta testando un kit diagnostico medico di bordo composto da un microscopio portatile e un piccolo dispositivo autonomo per la colorazione dei campioni di sangue. Un astronauta raccoglie e colora un campione di sangue, scatta foto con un microscopio e invia le immagini sulla Terra, dove i chirurghi di volo le usano per diagnosticare e prescrivere cure. Il kit potrebbe fornire capacità diagnostiche ai membri dell’equipaggio nello spazio o sulla Luna o su Marte, nonché la capacità di testare acqua, cibo e superfici per la contaminazione. I dispositivi potrebbero anche fornire un migliore monitoraggio medico durante le prossime missioni Artemis.

Aggiungi energia solare

Due pannelli solari della Stazione Spaziale Internazionale, o iROSA, sono stati lanciati a bordo della 22a missione di rifornimento commerciale di SpaceX per l’agenzia spaziale e saranno installati nel 2021. Lanciati utilizzando l’energia cinetica immagazzinata, questi pannelli solari estendono la capacità di produzione di energia della stazione spaziale. Il secondo set da lanciare nel telaio Dragon, una volta installato, farà parte di un piano per fornire dal 20% al 30% in più di energia per la ricerca e le operazioni della stazione spaziale. Questi array, il secondo di tre pacchetti, completeranno l’aggiornamento di metà dei canali di alimentazione della stazione. La tecnologia iROSA è stata testata per la prima volta sulla stazione spaziale nel 2017. La tecnologia dell’array solare graduato è stata utilizzata nella missione Dual Asteroid Redirection Test della NASA ed è prevista per l’uso su Gateway, una futura stazione spaziale lunare e una parte vitale del programma Artemis della NASA. Gli aggiornamenti iROSA utilizzano la stazione spaziale come banco di prova per la tecnologia e la ricerca necessarie per avanzare nello spazio.

READ  World of Warcraft: Dragonflight è la prossima espansione del popolare MMORPG (Trailer)

Grande speranza per i giovani pomodori

Una fonte continua di alimenti nutrienti è essenziale per le lunghe missioni esplorative e la tipica dieta preconfezionata di un astronauta potrebbe dover essere integrata con cibi freschi prodotti nello spazio. I ricercatori hanno testato un’unità di crescita delle piante nota come Veggie alla stazione e hanno coltivato con successo una varietà di verdure a foglia verde. Veg-05, il prossimo passo in questo lavoro, si concentra sulla coltivazione di pomodori nani.

Costruisci strutture più grandi

Sulla Terra, la gravità deforma oggetti di grandi dimensioni, come le travi utilizzate nelle grandi strutture. Con la microgravità, è possibile realizzare strutture più alte e più sottili senza questa deformazione. L’estrusione dimostra una tecnica che utilizza la resina liquida per creare forme impossibili sulla Terra. La resina fotostabile, che utilizza la luce per indurire il materiale nella sua forma finale, viene iniettata in stampi prefabbricati flessibili e una fotocamera scatta foto del processo. La capacità di utilizzare queste forme potrebbe rendere possibile la creazione di strutture nello spazio, come stazioni spaziali, pannelli solari e attrezzature. La Space Exploration Initiative supporta una vasta gamma di microgravità e ricerca lunare in scienza, ingegneria, arte e design. L’esperimento è stato confezionato in una scatola nera Nanorex con molti altri esperimenti del MIT Media Lab e sponsorizzato dall’ISS National Laboratory.

Nutrienti su richiesta

Un’alimentazione adeguata è una sfida importante per mantenere la salute dell’equipaggio durante le future missioni spaziali di lunga durata. Molte vitamine, sostanze nutritive e prodotti farmaceutici hanno una durata di conservazione deperibile e la capacità di produrre tali articoli su richiesta può aiutare a mantenere la salute e il benessere dell’equipaggio. BioNutrients-2 sta testando un sistema per produrre nutrienti chiave dallo yogurt, un prodotto a base di latte fermentato noto come kefir e una bevanda a base di lievito. La ricerca segna l’inizio della fase due del programma quinquennale BioNutrients, guidato dall’Ames Research Center della NASA e gestito da Game Changing Development nella Space Technology Directorate della NASA. Il programma è iniziato con il lancio di BioNutrients-1 nel 2019. BioNutrients-2 utilizza un sistema più piccolo con un’incubatrice riscaldata che promuove la crescita di organismi benefici. I ricercatori stanno anche lavorando su modi efficienti per utilizzare materie prime locali per realizzare prodotti sfusi come plastica, leganti per l’edilizia e materie prime chimiche. Queste tecnologie mirano a ridurre i costi di lancio e aumentare l’autosufficienza, ampliando gli orizzonti dell’esplorazione umana.

READ  L'analisi degli asteroidi rivela prove inaspettate della giovinezza e della carbonatazione degli oceani

Ammorbidire i turni di gravità

Tutti i viaggiatori spaziali sperimentano la transizione da un campo gravitazionale a un altro. Nelle future missioni di esplorazione, gli astronauti potrebbero sperimentare tre diversi campi gravitazionali: l’assenza di gravità durante il loro viaggio nello spazio, la gravità di un altro pianeta e la gravità terrestre al loro ritorno. Questi spostamenti possono influenzare l’orientamento spaziale, la coordinazione occhio-testa e occhio-mano, l’equilibrio e la locomozione e causare chinetosi in alcuni membri dell’equipaggio. I dispositivi per occhiali Falcon acquisiscono video ad alta velocità degli occhi di una persona, fornendo dati accurati sull’allineamento e l’equilibrio degli occhi. Questi sono solo alcuni delle centinaia di studi attualmente condotti a bordo dello Space Lab nei campi della biologia, della biotecnologia, delle scienze naturali e delle scienze della Terra e dello spazio. I progressi in queste aree manterranno gli astronauti in buona salute durante i lunghi viaggi nello spazio e dimostreranno le tecnologie per la futura esplorazione umana e robotica oltre l’orbita terrestre bassa verso la Luna e Marte.

fonte: NASA