QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Banca nazionale del Regno Unito avverte che “la criptovaluta potrebbe causare una crisi finanziaria grande come nel 2008” | NOTIZIE su Instagram VTM

Il vice governatore della Banca d’Inghilterra, John Cunliffe, avverte che le criptovalute potrebbero portare a una crisi finanziaria globale a meno che non vengano messe in atto rigide normative. “Gli investitori di criptovaluta dovrebbero essere preparati a perdere tutti i loro soldi”.




In un discorso di mercoledì, John Cunliffe ha confrontato il tasso di crescita del mercato delle criptovalute con la crescita esplosiva del mercato dei mutui che ha portato alla crisi globale nel 2008. Da $ 16 miliardi che esistevano nel mercato delle criptovalute cinque anni fa a $ 2,3 trilioni di oggi. È quasi il doppio dell’importo incluso nella bolla immobiliare nel 2008.

La crisi è arrivata nel 2008 dopo che il mercato ipotecario statunitense si è trasformato in una bolla vuota. Fino al 2008, le banche offrivano mutui spazzatura a persone che spesso non potevano pagare i loro prestiti. I prestiti sono iniziati a un tasso di interesse basso, ma sono aumentati sempre di più. La logica delle banche era che il prezzo degli immobili avrebbe continuato a salire, quindi tutti avrebbero fatto meglio a comprare una casa. Una volta che la casa è stata venduta, sono stati “reclamati” dal prestito, in quanto il valore della casa è aumentato. Le banche statunitensi hanno venduto questi mutui rischiosi raggruppati a banche e investitori esteri. Ma quando i prezzi degli immobili hanno ristagnato, questa bolla è scoppiata e ha portato a una delle peggiori crisi finanziarie mondiali dalla Grande Depressione degli anni ’30.

Non esiste un valore reale nella crittografia.

Quando qualcosa cresce molto rapidamente nel sistema finanziario, e poi cresce in un luogo non regolamentato, le autorità per la stabilità finanziaria devono prestarvi molta attenzione”, ha affermato Cunliffe.

READ  Perché il dibattito sui vaccini è così intenso: "Dobbiamo smettere di vedere gli anti-insetti come cittadini di seconda classe"

Cunliffe ritiene che i governi e le autorità di regolamentazione non dovrebbero reagire in modo eccessivo o etichettare le nuove monete come “pericolose”, poiché ciò può avere conseguenze molto gravi. Inoltre, ha anche notato che le tecnologie crittografiche possono portare “miglioramenti notevoli” nel mondo finanziario. Ha anche affermato che: “I mercati delle criptovalute sono una preoccupazione per la stabilità finanziaria perché la maggior parte “non ha valore reale ed è soggetta a significative correzioni dei prezzi”.

Il valore di Bitcoin ed Ethereum, le due maggiori criptovalute, è sceso di oltre il 30% all’inizio di quest’anno prima di riprendersi. Inoltre, è stato estremamente volatile sin dal suo inizio. I valori sono soggetti a una serie di fattori scatenanti esterni, dai commenti del CEO di Tesla Elon Musk alla repressione del governo cinese.

Cunliffe conclude: “Il mondo delle criptovalute sta iniziando a connettersi con il sistema finanziario tradizionale, ma questo sta accadendo in uno spazio in gran parte non regolamentato e quindi pericoloso”. I suoi commenti riecheggiano quelli del governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey, che a maggio ha avvertito che “gli investitori in criptovalute dovrebbero essere preparati a perdere tutti i loro soldi”.

Guarda anche: spiegare. Cosa vuoi sapere su Bitcoin?