QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La campagna di vaccinazione nei centri di assistenza residenziale mostra che il vaccino “salva la vita” – Belgio

(Belga) Nei centri di assistenza residenziale non ci sono quasi casi di decessi per corona e COVID. Lo dimostra uno studio condotto da Sciensano, che Stephen Van Gucht ha spiegato durante la conferenza stampa sui numeri Corona. “Il vaccino fornisce protezione per la vita in un mare di virus”, ha detto il virologo.

La strategia di vaccinazione COVID-19 mira a proteggere i più vulnerabili il più rapidamente possibile. La priorità è stata data ai residenti e al personale dei centri di assistenza residenziale. Lì, la campagna di vaccinazione si è svolta dal 28 dicembre al 24 marzo. I nuovi residenti vengono ancora vaccinati, proprio come i dipendenti che non erano stati vaccinati prima, ma ora vogliono farlo. In tutto il paese, l’89% della popolazione dei centri di assistenza residenziale è completamente vaccinata. Nelle Fiandre e nella comunità di lingua tedesca la percentuale è del 91%. A Bruxelles è l’85% e in Vallonia è all’incirca l’87%. L’obiettivo della Commissione europea era vaccinare almeno l’80% delle persone di età superiore agli 80 anni entro la fine di marzo. Nel nostro paese, questo obiettivo è stato raggiunto per i residenti dei centri di assistenza residenziale, ma non solo per le persone che non risiedono in un tale centro. Van Gucht afferma che l’obiettivo è stato raggiunto dopo un breve ritardo. Con circa il 77%, la copertura vaccinale è leggermente inferiore per i dipendenti dei centri di assistenza residenziale. Tuttavia, esistono notevoli differenze regionali. Nelle Fiandre, l’87% dei dipendenti dei centri di assistenza residenziale è stato vaccinato, rispetto al 47% a Bruxelles e al 58% in Vallonia. Nella comunità di lingua tedesca questa percentuale è del 65%. “Il calo delle voglie di vaccinazione a Bruxelles e in Vallonia segue una tendenza ben nota che abbiamo visto anche nelle campagne di vaccinazione antinfluenzale negli ultimi anni”, afferma Van Gucht. “Dai dati raccolti nelle Fiandre e a Bruxelles, risulta che le persone che non sono vaccinate di solito non hanno ragioni mediche per farlo. Questo vale sia per i dipendenti che per i residenti”. Il virologo ritiene che i motivi del rifiuto debbano essere indagati al fine di garantire che la campagna di vaccinazione prosegua. Nel frattempo, gli effetti positivi di una maggiore copertura vaccinale tra la popolazione stanno diventando sempre più evidenti. Ad esempio, il numero di infezioni nella popolazione in tutte le regioni è significativamente basso, con due casi ogni 1.000 residenti a settimana. Le epidemie di grandi dimensioni si verificano raramente nei centri di assistenza residenziale e di solito hanno anche sintomi lievi. La scorsa settimana, l’1% dei centri di assistenza residenziale fiamminga ha segnalato un focolaio grave di almeno 10 casi, mentre non si sono verificati focolai gravi in ​​altre aree. I residenti dei centri di assistenza residenziale rappresentano ancora solo l’1% dei ricoveri ospedalieri, rispetto a circa il 20% di dicembre. C’è una tendenza simile nelle morti per COVID. Mentre il numero di decessi tra la popolazione generale è in aumento dalla fine di febbraio, il numero di decessi tra i residenti dei centri di assistenza residenziale è diminuito. La scorsa settimana, 14 cittadini sono morti a causa di COVID. Questo è 6 in meno rispetto alla settimana precedente. In tutto, 276 persone sono morte per gli effetti del Coronavirus nella stessa settimana. Di questi il ​​5% era residente in un centro di assistenza residenziale, mentre questa percentuale era superiore al 50%. Van Gucht conclude: “Per chi ha ancora dubbi: questi numeri mostrano inequivocabilmente come funzionano bene i vaccini, anche con i più deboli. Il vaccino fornisce un’ancora di salvezza in un mare di virus”. (Belga)

READ  Quasi la metà degli assistenti medici ha a che fare con persone aggressive che richiedono quotidianamente vaccini

La strategia di vaccinazione COVID-19 mira a proteggere i più vulnerabili il più rapidamente possibile. La priorità è stata data ai residenti e al personale dei centri di assistenza residenziale. Lì, la campagna di vaccinazione si è svolta dal 28 dicembre al 24 marzo. I nuovi residenti vengono ancora vaccinati, proprio come i dipendenti che non erano stati vaccinati prima, ma ora vogliono farlo. In tutto il paese, l’89% della popolazione dei centri di assistenza residenziale è completamente vaccinata. Nelle Fiandre e nella comunità di lingua tedesca la percentuale è del 91%. A Bruxelles è l’85% e in Vallonia è all’incirca l’87%. L’obiettivo della Commissione europea era vaccinare almeno l’80% delle persone di età superiore agli 80 anni entro la fine di marzo. Nel nostro paese, questo obiettivo è stato raggiunto per i residenti dei centri di assistenza residenziale, ma non solo per le persone che non risiedono in un tale centro. Van Gucht afferma che l’obiettivo è stato raggiunto dopo un breve ritardo. Con circa il 77%, la copertura vaccinale è leggermente inferiore per i dipendenti dei centri di assistenza residenziale. Tuttavia, esistono notevoli differenze regionali. Nelle Fiandre, l’87% dei dipendenti dei centri di assistenza residenziale è stato vaccinato, rispetto al 47% a Bruxelles e al 58% in Vallonia. Nella comunità di lingua tedesca questa percentuale è del 65%. “Il calo delle voglie di vaccinazione a Bruxelles e in Vallonia segue una tendenza ben nota che abbiamo visto anche nelle campagne di vaccinazione contro l’influenza negli ultimi anni”, afferma Van Gucht. “Dai dati raccolti nelle Fiandre e a Bruxelles, risulta che le persone che non sono vaccinate di solito non hanno ragioni mediche per farlo. Questo vale sia per i dipendenti che per i residenti”. Il virologo ritiene che i motivi del rifiuto debbano essere indagati al fine di garantire che la campagna di vaccinazione prosegua. Nel frattempo, gli effetti positivi di una maggiore copertura vaccinale tra la popolazione stanno diventando sempre più evidenti. Ad esempio, il numero di infezioni nella popolazione in tutte le regioni è significativamente basso, con due casi ogni 1.000 residenti a settimana. Le epidemie di grandi dimensioni si verificano raramente nei centri di assistenza residenziale e di solito hanno anche sintomi lievi. La scorsa settimana, l’1% dei centri di assistenza residenziale fiamminga ha segnalato un focolaio grave di almeno 10 casi, mentre non si sono verificati focolai gravi in ​​altre aree. I residenti dei centri di assistenza residenziale rappresentano ancora solo l’1% dei ricoveri ospedalieri, rispetto a quasi il 20% di dicembre. C’è una tendenza simile nelle morti per COVID. Mentre il numero di decessi tra la popolazione generale è in aumento dalla fine di febbraio, il numero di decessi tra i residenti dei centri di assistenza residenziale è diminuito. La scorsa settimana, 14 cittadini sono morti a causa di COVID. Questo è 6 in meno rispetto alla settimana precedente. In totale, 276 persone sono morte per gli effetti del Coronavirus nella stessa settimana. Di questi il ​​5% era residente in un centro di assistenza residenziale, mentre questa percentuale era superiore al 50%. Van Gucht conclude: “Per chi ha ancora dubbi: questi numeri mostrano inequivocabilmente come funzionano bene i vaccini, anche con i più deboli. Il vaccino fornisce un’ancora di salvezza in un mare di virus”. (Belga)

READ  Il numero di morti per malaria è di nuovo in aumento e COVID-19 non aiuta