QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“La campagna governativa per i bambini rispetta i consigli” – Belgio

(Belga) La campagna del governo per vaccinare i bambini è in linea con la decisione del Gruppo di lavoro e della Conferenza ministeriale congiunta sulla sanità pubblica e con la consulenza di esperti. Questo è ciò che afferma l’Agenzia per la salute e l’assistenza sanitaria (AZG). Risponde così alle dichiarazioni del deputato fiammingo di N-VA Lorin Parys, che ha chiesto al ministro del Welfare Wouter Beke di ritirare la campagna.

I ministri della salute hanno dato il via libera lunedì all’uso del vaccino contro il coronavirus Pfizer/BioN Tech per i bambini dai 5 agli 11 anni. Su www.laatjevaccineren.be, il sito web del governo fiammingo, i genitori troveranno un volantino con le informazioni sulla vaccinazione dei bambini. L’opuscolo incoraggia anche i genitori a vaccinare i propri figli. Il rappresentante Barrys della N-VA vuole ritirare quella campagna. Secondo Paris, ci sono errori e il testo non riflette il consiglio del Consiglio Supremo della Sanità sulla vaccinazione dei bambini. Ha notato che il vaccino è raccomandato per i bambini con comorbilità, mentre è offerto ad altri bambini. Nella sua risposta, l’Agenzia per la salute e il benessere ha dichiarato: Siamo soddisfatti che il contenuto della campagna sia in linea con la decisione del Gruppo di lavoro e della Conferenza ministeriale congiunta sulla sanità pubblica e con la consulenza di esperti. L’agenzia sottolinea che la vaccinazione rimane volontaria. Vogliamo che genitori e figli possano prendere una decisione informata. Per quanto riguarda il commento di Barris secondo cui il post non dice nulla sulla variante omikron, MSF ha aggiunto che aggiorna costantemente le informazioni. Barris ha anche denunciato dicendo che l’immunità attraverso la vaccinazione è migliore e dura più a lungo dell’infezione, mentre pensa che sia esattamente il contrario. Tuttavia, l’Agenzia per la salute e l’assistenza afferma che studi recenti mostrano che l’immunità dopo l’infezione è limitata, temporanea e può essere modificata secondo le modalità di dosaggio post-vaccinazione. “Non dovremmo presumere erroneamente che l’infezione naturale fornisca automaticamente una protezione permanente. Il miglior esempio di ciò è la pertosse, che sappiamo è di nuovo suscettibile all’infezione 10-15 anni dopo l’infezione naturale. Come con i coronavirus invernali, fornisce anche l’immunità temporanea, certamente non per tutta la vita.” (Belgio)

READ  Il concept alternativo di carne Utrecht-Copenhagen riceve 7,5 milioni di euro

I ministri della salute hanno dato il via libera lunedì all’uso del vaccino contro il coronavirus Pfizer/BioN Tech per i bambini dai 5 agli 11 anni. Su www.laatjevaccineren.be, il sito web del governo fiammingo, i genitori troveranno un volantino con le informazioni sulla vaccinazione dei bambini. L’opuscolo incoraggia anche i genitori a vaccinare i propri figli. Il rappresentante Barrys della N-VA vuole ritirare quella campagna. Secondo Paris, ci sono errori e il testo non riflette il consiglio del Consiglio Supremo della Sanità sulla vaccinazione dei bambini. Ha notato che il vaccino è raccomandato per i bambini con comorbilità, mentre è offerto ad altri bambini. Nella sua risposta, l’Agenzia per la salute e il benessere ha dichiarato: Siamo soddisfatti che il contenuto della campagna sia in linea con la decisione del Gruppo di lavoro e della Conferenza ministeriale congiunta sulla sanità pubblica e con la consulenza di esperti. L’agenzia sottolinea che la vaccinazione rimane volontaria. Vogliamo che genitori e figli possano prendere una decisione informata. Per quanto riguarda il commento di Barris secondo cui il post non dice nulla sulla variante omikron, MSF ha aggiunto che aggiorna costantemente le informazioni. Barris ha anche denunciato dicendo che l’immunità attraverso la vaccinazione è migliore e dura più a lungo dell’infezione, mentre pensa che sia esattamente il contrario. Tuttavia, l’Agenzia per la salute e l’assistenza afferma che studi recenti mostrano che l’immunità dopo l’infezione è limitata, temporanea e può essere modificata secondo le modalità di dosaggio post-vaccinazione. “Non dovremmo presumere erroneamente che l’infezione naturale fornisca automaticamente una protezione permanente. Il miglior esempio di ciò è la pertosse, che sappiamo è di nuovo suscettibile all’infezione 10-15 anni dopo l’infezione naturale. Come con i coronavirus invernali, fornisce anche l’immunità temporanea, certamente non per tutta la vita.” (Belgio)

READ  Prendere una decisione insieme sulla vaccinazione