QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La candidata alla presidenza francese Marine Le Pen è accusata di appropriazione indebita di fondi dell’UE

La denuncia è stata presentata al tribunale francese. La Procura di Parigi ha confermato all’Agence France-Presse di aver ricevuto il documento l’11 marzo e che è attualmente in fase di analisi.

Marine Le Pen è stata al Parlamento europeo dal 2004 al 2017 per il Fronte Nazionale di estrema destra, che ora è tornato nel Raduno Nazionale. In quel periodo avrebbe utilizzato le risorse messe a disposizione dal Parlamento ai collaboratori per scopi politici nazionali, le spese personali e i servizi alle imprese strettamente legate al Fronte Nazionale o all’Europa Libertà e Nazioni, la fazione populista di destra in Parlamento europeo.

Secondo l’ente antifrode europeo, Olaf, si tratta di un totale di 600mila euro, di cui 137mila di Marine Le Pen. L’Ufficio Antifrode chiede il rimborso di quei soldi. Oltre al nome di Le Pen, nel rapporto compaiono anche i nomi di tre ex membri del Parlamento europeo. È imparentato con suo padre Jean-Marie Le Pen e il suo ex partner Louis Eliot e Bruno Golnich, un membro del consiglio del National Rally Party.

L’avvocato di Marine Le Pen, Rodolphe Posselot, osserva che le accuse risalgono a più di un decennio fa. “Sono sbalordito dalla tempistica della divulgazione”, ha detto all’AFP. Bocilot parla anche dello “sfruttamento” del rapporto. Le Pen affronterà il presidente in carica Emmanuel Macron nel secondo turno delle elezioni presidenziali francesi entro una settimana.

Il suo avvocato ha confermato che Le Pen non è ancora stata citata. Boscilot ha affermato che l’indagine è in corso dal 2006 e Le Pen è stato interrogato nella primavera del 2021, anche se per posta. Né lui né Le Pen hanno ancora potuto vedere il rapporto finale di Olaf.

READ  Una francese prende 35 anni di multa, ma niente multa 'perché non sa cosa sia il controllo stradale' | all'estero

Marine Le Pen è stata effettivamente perseguita nel 2017 in un caso relativo a un lavoro fittizio al Parlamento europeo. Pagherebbe i funzionari del partito con soldi europei. Lei stessa ha negato l’accusa.