QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La cantante Leakey (44) si riprende da un ictus: “È molto coraggiosa e positiva”

Leakey (44) ha avuto un ictus. Caroline Kamusi, il vero nome della cantante, è attualmente in riabilitazione. “Deve imparare di nuovo molte cose”, dice il suo produttore Steve Kamel Karlins. Proprio quando era impegnata a registrare il suo ritorno.

La quiete regna intorno a Leki da sei anni, ma ora sta lavorando con Stef Kamil Carlens su un nuovo disco. Quindi, è il produttore che pubblica la notizia sulla pagina Facebook dell’artista. “A causa del suo infarto cerebrale, deve imparare di nuovo molte cose”, si legge nella lettera. L’ho visitata qualche giorno fa ed è molto coraggiosa e positiva. Sta facendo progressi lenti ma costanti”.

Il mese scorso è stato anche annunciato che Leakey è in ospedale. La malaria cerebrale si è riaccesa. Circa dieci anni fa, il cantante contrasse per la prima volta la malaria cerebrale, il tipo più aggressivo e letale che colpisce il sistema nervoso. È entrata attraverso la cruna dell’ago, ma la condizione ha indebolito il suo corpo. Detto questo, ho continuato. Esibirsi e fare radio come una delle mie donne. Alla fine ha portato a un famoso burnout.

Recentemente sono salito di nuovo sotto i riflettori. Con una parte nel musicalGuardia del corpoE una nuova canzoneil fiume† “Non bevo più alcolici, vivo vegano. Pulisco affatto la versione di me stessa. Mi sento bene, mi sento meglio nella mia pelle”, ha detto a gennaio a Het Laatste Nieuws “Mi sento bene, sto meglio la mia pelle.” Ma ha anche avuto la malaria due volte, l’ultima volta a dicembre in Congo “Ancora febbre e la testa sembra essere in un dispositivo di tortura, ma il mio corpo si sente più forte”.

Steve Kamel Carlin la visiterà di nuovo la prossima settimana. E conclude il suo messaggio su Facebook: “Puoi lasciare un messaggio nei commenti”. “Le leggerai.”

READ  Niet Erik Van Looy, maar wel deze BV Werd eerst gevraagd om 'De slimste mens ter wereld 'te presentren