QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La capsula spaziale Starliner ritorna sulla Terra

Pod di atterraggio Starliner.


Foto: NASA/Bill Ingalls

La nuova capsula spaziale americana Starliner è atterrata in sicurezza sulla Terra nella notte tra il 25 e il 26 maggio 2022 dopo un volo di prova senza pilota di successo. La nuova navicella spaziale, progettata e costruita da Boeing, è atterrata utilizzando i paracadute presso il White Sands Missile Range dell’esercito americano nel New Mexico. Boeing prevede di utilizzare questa nuova capsula spaziale quest’anno per trasportare gli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.

La capsula spaziale riutilizzabile Starliner è stata sviluppata nell’ambito di un contratto di equipaggio commerciale della NASA e può ospitare da quattro a sette astronauti che vengono trasportati alla Stazione Spaziale Internazionale utilizzando questo veicolo spaziale. Basandosi sulla sua ricca esperienza nel volo spaziale umano, Boeing ha deciso di progettare una classica capsula spaziale conica per il programma Commercial Crew Development (CCDev). La navicella spaziale senza pilota Starliner è stata lanciata da un razzo Atlas V il 19 maggio 2022, dopodiché la capsula si attacca alla parte americana della Stazione Spaziale Internazionale circa 24 ore dopo. Una comunicazione sicura e priva di errori con la stazione spaziale era l’obiettivo principale di questo volo di prova per Boeing e NASA, poiché non era riuscito durante una precedente missione nel 2019. Dopo che Starliner si è attaccato alla stazione spaziale durante questo secondo volo di prova, il portello di accesso per la capsula spaziale è stata aperta.I residenti della Stazione Spaziale Internazionale sono entrati nella nuova navicella spaziale.

A bordo di questa capsula spaziale senza pilota c’erano 245 chilogrammi di carico, comprese alcune bandiere di college e università storicamente neri americani. Proprio come durante il primo volo di prova senza pilota, uno “pseudo” astronauta era di nuovo a bordo della capsula spaziale. Questo manichino, chiamato “Rosie the Rocketer”, pesa 81 chilogrammi ed è dotato di numerosi sensori per consentire agli ingegneri di determinare le condizioni a bordo della capsula durante il lancio o il ritorno sulla Terra. Starliner si è finalmente separato dalla stazione spaziale il 25 maggio 2022, dopodiché la capsula senza pilota ha iniziato a rientrare nell’atmosfera. Usando scudo termico, paracadute e airbag gonfiabili, la capsula alla fine è atterrata in sicurezza in una zona desolata del New Mexico. È raro che la navicella spaziale statunitense atterri sulla terraferma, poiché la navicella spaziale SpaceX Crew Dragon e la navicella spaziale della NASA come la capsula Apollo sono atterrate costantemente in mare. Solo i veicoli spaziali americani sono sempre atterrati sulla Terra al ritorno in passato.

READ  Attrito tra graffi e screpolature

Nonostante il fatto che questo secondo volo di prova sia andato bene e tutti gli obiettivi siano stati raggiunti, si sono verificati ancora alcuni problemi minori. Poco dopo il lancio, ad esempio, sono sorti problemi con due spintori di capsule spaziali e fortunatamente questo problema potrebbe essere risolto da un altro pusher. Boeing sottoporrà nuovamente la capsula a un’analisi approfondita in modo da poter determinare la causa di questo problema. Se questo problema può essere risolto rapidamente, Starliner probabilmente invierà astronauti americani nello spazio per la prima volta quest’anno.