QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Casa Bianca prevede un massiccio ammassamento di truppe al confine con il Kosovo e crescono i timori di un’escalation

La Casa Bianca prevede un massiccio ammassamento di truppe al confine con il Kosovo e crescono i timori di un’escalation

L’avvertimento della Casa Bianca arriva una settimana dopo che trenta combattenti serbi hanno preso d’assalto un villaggio in Kosovo. Gli Stati Uniti hanno descritto questo attacco come un “attacco ben coordinato e pianificato” che è preoccupante. Ora riferiscono di “aver osservato un significativo dispiegamento militare serbo lungo il confine con il Kosovo, compreso un accumulo senza precedenti di artiglieria, carri armati e fanteria”.

John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, venerdì sera ha invitato la Serbia a ritirare immediatamente le sue forze e ad allentare la tensione. La Casa Bianca afferma inoltre che sta discutendo con gli alleati sulla capacità della forza di mantenimento della pace della NATO (KFOR) di affrontare la “minaccia”.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha annunciato giovedì che, a causa della “situazione attuale”, invierà ulteriori truppe in Kosovo, il secondo rinforzo in tanti mesi. Ciò includerà tra 500 e 650 soldati britannici. La forza di mantenimento della pace KFOR (KFOR), esistente dal 1999, è composta da circa 4.500 soldati.

Il Kosovo si è ufficialmente separato dalla Serbia nel 2008 ed è ora popolato da un’ampia maggioranza di etnia albanese. La piccola minoranza serba è sempre rimasta fedele a Belgrado. La Serbia, il suo principale vicino, non ha mai riconosciuto il Kosovo, né la Russia e la Cina hanno riconosciuto i suoi importanti alleati. L’Unione Europea cerca da anni di mediare la normalizzazione delle relazioni tese tra i due paesi.

Gli avvertimenti americani non sono stati ben accolti in Serbia. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato venerdì, dopo aver ricevuto una telefonata dal segretario di Stato americano Anthony Blinken: “Ho smentito le bugie sul massimo livello di prontezza al combattimento delle nostre forze armate”.

READ  CIA accusata di aver spiato l'avvocato Julian Assange | All'estero

Vucic non ha negato esplicitamente la presenza di un accumulo di truppe lungo il confine con il Kosovo, ma ha detto che le forze serbe sul posto erano più piccole rispetto a diversi mesi fa.

Lanciagranate dalla Serbia

All’inizio di questa settimana, il primo ministro del Kosovo Albin Kurti ha detto che la Serbia vuole controllare il nord del paese. Si prevedono altri attentati, come quello di domenica scorsa. Da Pristina il dito è stato puntato direttamente contro il governo serbo, che presumibilmente controllava i paramilitari e forniva loro armi.

I miliziani avrebbero trasportato un arsenale di armi del valore di 5 milioni di euro, compreso un lanciagranate che, secondo un documento pubblicato dal governo del Kosovo, potrebbe essere ricondotto all’esercito serbo.

Venerdì si è dimesso Milan Radojicic, vicepresidente del principale partito politico serbo in Kosovo e considerato un confidente del presidente Vucic. È successo dopo che l’aveva fatto Ha ammesso di aver organizzato il gruppo armato. Radošić ha negato di aver ricevuto aiuto da Belgrado.

Giornata Nazionale del Lutto

Il presidente Vucic ha negato ogni coinvolgimento e ha restituito la palla al governo del Kosovo, ma non ha fatto nulla per calmare la situazione. Vucic ha condannato l’attacco, ma ha descritto i combattenti morti come eroi brutalmente giustiziati e ha dichiarato per loro una giornata di lutto nazionale. Vucic ha anche affermato che le forze di sicurezza del Kosovo stanno conducendo una campagna di “brutale pulizia etnica” contro la popolazione serba.

Il fatto che ora gli Stati Uniti facciano sentire più forte la loro voce potrebbe indicare che vedono la mano della Russia nei disordini. L’Occidente teme da tempo che Mosca si adopererà per infiammare le cattive relazioni tra Serbia e Kosovo nel tentativo di destabilizzare la regione.

Donica Emini, direttrice esecutiva dell’Alleanza delle ONG in Kosovo, ha affermato che i commenti della Casa Bianca ricordano gli avvertimenti che hanno preceduto l’invasione russa dell’Ucraina. Pertanto, il conflitto in Kosovo sembra essere “inevitabile”. Emini dice Al quotidiano britannico Guardiano.