QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Casa Bianca: rifiuto cinese delle indagini di follow-up del virus Corona

Il rifiuto della Cina alla proposta dell’OMS di continuare a indagare sulle origini della pandemia di coronavirus è irresponsabile e pericoloso. Lo ha detto giovedì il portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.

“Ora non è il momento di intromettersi”, ha detto Psaki. I primi pazienti COVID-19 al mondo sono stati identificati nel paese asiatico alla fine del 2019. Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus la scorsa settimana ha chiesto una revisione dei laboratori intorno a Wuhan, la città cinese dove si è diffuso il virus, in particolare i laboratori dove i primi casi sono stati identificati da COVID-19. Un team di ricerca dell’Organizzazione mondiale della sanità stava già indagando a Wuhan e nei dintorni quest’anno, ma Tedros ha affermato in precedenza che la mancanza di dati sui primi giorni dell’epidemia ha ostacolato le indagini.

Giovedì, il viceministro della sanità cinese, Zeng Yixin, si è detto “estremamente sorpreso” dal suggerimento. È una “mancanza di rispetto per il buon senso e l’arroganza della scienza”, ha detto Zeng in una conferenza stampa.

La Cina ha annunciato all’Organizzazione mondiale della sanità il 31 dicembre 2019 che a Wuhan era stata identificata una misteriosa epidemia di polmonite. Ma Pechino si è sempre fortemente opposta alla teoria secondo cui il virus SARS-CoV-2, che causa il COVID-19, potrebbe essere fuggito da uno dei suoi laboratori, in particolare dall’Istituto di virologia di Wuhan. Questa teoria, a lungo ignorata dalla maggior parte degli esperti, è tornata alla ribalta nel dibattito americano negli ultimi mesi. Yuan Zhiming, uno dei capi dell’Istituto di virologia di Wuhan, ha confermato giovedì che non ci sono state “perdite” o “incidenti” nella sua struttura.

READ  Gli ambientalisti tedeschi hanno lanciato l'allarme sull'uccisione dei lupi

A loro volta, le autorità cinesi e i media puntano regolarmente il dito contro il laboratorio di Fort Detrick negli Stati Uniti come fonte dell’epidemia. Il laboratorio si trova vicino a Washington, nel cuore della ricerca statunitense sul bioterrorismo. Secondo il quotidiano nazionale cinese, Global Times, cinque milioni di utenti di Internet in Cina hanno firmato una petizione per indagare su Fort Detrick.