QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Casa Bianca spinge per una stretta bancaria di medie dimensioni senza il Congresso per prevenire future crisi bancarie |  al di fuori

La Casa Bianca spinge per una stretta bancaria di medie dimensioni senza il Congresso per prevenire future crisi bancarie | al di fuori

Oggi l’amministrazione Biden ha proposto un elenco limitato di nuove misure per rafforzare le banche di medie dimensioni. Le banche con attività comprese tra 100 miliardi di dollari (91,7 miliardi di euro) e 250 miliardi di dollari (229,2 miliardi di euro) devono detenere più attività liquide, aumentare il proprio capitale, sottoporsi a stress test regolari e preparare “testamenti di vita” che descrivono in dettaglio come possono essere regolati. disse House.

La spinta della Casa Bianca per una maggiore regolamentazione arriva dopo giorni di turbolenze nel settore bancario sulla scia dei fallimenti degli istituti di credito statunitensi Silicon Valley Bank e Signature Bank. Le azioni bancarie sono crollate in tutto il mondo e le turbolenze hanno portato a un salvataggio orchestrato dal governo della banca svizzera Credit Suisse.

“Oggi il presidente esorta le agenzie bancarie federali a prendere in considerazione una serie di riforme che ridurranno il rischio di future crisi bancarie”, ha affermato il funzionario. “Si tratta davvero di assicurarci di proteggere la resilienza e la stabilità del sistema bancario in futuro”, ha aggiunto il funzionario. “Queste sono tutte azioni che possono essere intraprese in base alla legge vigente e, pertanto, non è richiesta alcuna azione del Congresso per autorizzare le agenzie a intraprendere alcuna di queste misure”, ha affermato un alto funzionario della Casa Bianca.

Ripristinare la vecchia legge

Una legge del 2018 che allenta i requisiti del Dodd-Frank Act post-crisi finanziaria, promossa dai repubblicani e da alcuni democratici moderati, ha alzato la soglia alla quale le banche sono considerate rischi sistemici e soggette a una supervisione più rigorosa da $ 50 miliardi (45,8 miliardi di euro) a $ 250 miliardi. (229,2 miliardi di euro). La parziale reintroduzione delle regole che sono state revocate sotto l’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump interesserà meno di due dozzine di società delle oltre 4.000 banche statunitensi assicurate dalla FDIC.

READ  La famiglia di Kevin (29) vuole maggiori informazioni a Lommel: "Siamo totalmente fuori dal freddo" | L'interno

Secondo i dati della Federal Reserve, circa 30 banche avevano più di 100 miliardi di dollari di attività alla fine dello scorso anno, un elenco che includeva la Silicon Valley Bank e la Signature Bank. Quasi la metà di questi era già sotto attento esame perché aveva più di 250 miliardi di dollari di attività e poche banche erano vicine a superare quel limite. La banca della Silicon Valley aveva un patrimonio di 209 miliardi di dollari (191,6 miliardi di euro) alla fine dello scorso anno. Il governo ha anche invitato le autorità di regolamentazione a richiedere alle istituzioni di medie dimensioni di sottoporsi a stress test annuali a cui devono sottoporsi le grandi banche, e di presentare i cosiddetti “testamenti di vita”, o schemi di regolamento.

Aspetto. Il crollo di due banche statunitensi fa temere i mercati azionari.

Il capo di stato maggiore degli Stati Uniti è molto preoccupato: “Gli Stati Uniti non hanno abbastanza munizioni per una grande guerra”.

Il governo degli Stati Uniti invita i suoi cittadini a lasciare immediatamente la Russia