QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La causa della diffusione del virus Corona tra gli allevamenti di visoni non è stata trovata

Nonostante approfondite ricerche, non è ancora chiaro come il coronavirus sia riuscito a diffondersi nei vari allevamenti di visoni nel Brabante. Non è stato trovato alcun percorso di distribuzione chiaro o fonte chiaramente identificabile. Lo afferma una lettera inviata venerdì alla Camera dei rappresentanti dai ministri De Jong (Sanità pubblica) e Schotten (Agricoltura). Ad esempio, il cibo non lo era.

In Brabante, più di trenta allevamenti da te sono stati abbattuti nell’autunno del 2020 dopo aver contratto il coronavirus negli animali. All’epoca non era chiaro come il coronavirus potesse aver raggiunto i vari allevamenti di visoni nel Brabante, nel Limburgo e nel Gelderland.

“Molti degli allevamenti di visoni colpiti si trovavano a pochi chilometri l’uno dall’altro”, afferma la lettera. “Soprattutto per il gruppo più numeroso di virus, sembra che ci fosse una maggiore possibilità di infezione se un’altra azienda infetta fosse nelle vicinanze. Non è stata trovata alcuna spiegazione per questa potenziale associazione”.

Le cose sono andate storte nelle fattorie di Venhorst, Haps, Wilbertoord e Overloon, tra le altre. In seguito è stato introdotto uno schema di chiusura in cui gli allevatori di visoni potevano smettere di allevare animali con assistenza finanziaria.

Le persone potrebbero aver trasmesso il virus. “In ogni caso, non si è diffuso nell’aria”, ha confermato l’epidemiologo nel settembre 2020 su de Volkskrant.

Le misure
Ma le persone che diffonderebbero il virus non possono essere rintracciate a loro insaputa, né è chiaro come il virus si sia diffuso in seguito, secondo la lettera al Parlamento. “Le misure adottate potrebbero aver contribuito alla mancata diffusione del virus negli allevamenti di visoni in altre parti dei Paesi Bassi”, ha aggiunto.

READ  smettere di fumare | CORRENTE MEDIMBICA.

I ricercatori osservano che il coronavirus trovato nei visoni è stato trasmesso solo a un piccolo numero di persone. La maggior parte delle infezioni si è verificata in persone legate alla coltivazione del visone.