QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La chirurgia robotica comporta il 52% in meno di riammissioni.

La chirurgia robotica è ampiamente utilizzata. È risaputo negli ospedali che le operazioni robotiche di solito comportano una minore perdita di sangue e che i pazienti si riprendono in media più velocemente. Risultati dello studio universitario Sheffield Conferma questa immagine e mostra che il numero di riammissioni per questa tecnologia diminuisce drasticamente.

Questo rende la chirurgia robotica sempre più simile alla chirurgia del futuro. Questi risultati sono stati eseguiti in 338 interventi chirurgici per pazienti con cancro della vescica non metastatico, metà dei quali è stata eseguita con un robot e l’altra metà senza robot. Lo studio è stato pubblicato su JAMA e condotto dall’Università di Sheffield e dall’University College London.

Splendido calo delle riammissioni

La ricerca condotta dall’Università di Sheffield e dall’University College ora mostra inequivocabilmente che la chirurgia robotica può ridurre significativamente il numero di riammissioni. In particolare, dopo l’intervento chirurgico assistito da robot, si è verificato il 21% di riammissioni entro 90 giorni dall’intervento, rispetto al 32% per le operazioni senza robot. In totale, ciò significa una riduzione del 51% del numero di riammissioni. A ciò si aggiunge il fatto che il “gruppo di pazienti robot” è rimasto in ospedale in media otto giorni dopo l’operazione, mentre l’altro gruppo ha dovuto rimanere in media dieci giorni, ed è subito chiaro che lo stress sui letti d’ospedale è stato notevolmente ridotto grazie all’utilizzo di robot.

I ricercatori affermano che i risultati forniscono la prova più forte fino ad oggi dei benefici della chirurgia robotica per i pazienti. Pertanto sollecitano NICE a rendere disponibile questo modello come opzione clinica nel Regno Unito per tutti i principali interventi chirurgici addominali. Finora, NICE continua a raccomandare la chirurgia a cielo aperto come gold standard per interventi chirurgici altamente complessi e i ricercatori sperano che questo cambierà.

READ  Beke: "Tutti gli adulti saranno vaccinati completamente entro metà agosto, ma un solo colpo deve essere sufficiente per ottenere un passaporto per le vaccinazioni" | NOTIZIE DI Instagram VTM

Chirurgia robotica vs chirurgia a cielo aperto

Il ricercatore co-principale, il professor John Kelly, professore di oncologia presso il Dipartimento di chirurgia e scienze interventistiche dell’UCLA e chirurgo consulente presso l’University College London Hospitals Trust, ha dichiarato: “Nonostante la crescente disponibilità di chirurgia assistita da robot, non esiste una valutazione clinica significativa per quanto riguarda il recupero del paziente”.

“In questo studio, abbiamo voluto determinare se la chirurgia robotica, rispetto alla chirurgia a cielo aperto, riduce i tempi ospedalieri, riduce la riammissione e migliora la forma fisica e la qualità della vita. Questo è illustrato sotto tutti gli aspetti. Un risultato inaspettato è stata la significativa riduzione dei coaguli di sangue in Pazienti sottoposti a chirurgia robotica: ciò suggerisce un intervento sicuro con pazienti che beneficiano di un numero significativamente inferiore di complicazioni, di movimenti più rapidi e di un più rapido ritorno alla normalità”.

Chirurgia robotica e fatti

Nel 2003, Jelle Ruurda è stata la la prima persona Nel mondo detiene un dottorato in chirurgia robotica. Dall’autunno del 2019 è stato il primo professore all’UMC Utrecht in una nuova cattedra di “chirurgia mininvasiva assistita da robot”. Il professore di chirurgia robotica Ruurda prevede che il numero di robot chirurgici crescerà rapidamente e in modo significativo. Ed è quello che è successo, perché i benefici sono grandiosi. Rijnstate, ad esempio, afferma: “Utilizziamo principalmente il robot chirurgico Da Vinci per complesse operazioni urologiche, chirurgiche e ginecologiche. Lo scopo è che le persone si riprendano più velocemente con meno perdite di sangue, meno dolore e meno tessuto cicatriziale. Possiamo anche fare di più Interventi chirurgici tramite chirurgia del buco della serratura utilizzando un robot funzionante.

READ  Indra soffre di PMDD (disturbo disforico premestruale): 'l'effetto è ovunque'

Nei Paesi Bassi, i robot sono ora utilizzati in un numero sempre maggiore di luoghi e in un numero sempre maggiore di tipi di operazioni. Relativamente nuovo, ad esempio, è che in Europa è attualmente disponibile un nuovo R-One telecomandato per l’angioplastica in sei ospedali. Cateterizzazione cardiaca Android è stato pubblicato. Uno di questi ospedali è il Maasstad Hospital di Rotterdam.