QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Cina dà all’Occidente la sua “torta di pasta” con una nuova legge anti-sanzioni

La legge anti-punizione è stata presentata lunedì alla massima legislatura cinese, il Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo, e dovrebbe essere approvata. I dettagli esatti non sono ancora noti, ma la legge fornirà una base legale per le controsanzioni cinesi. Secondo gli esperti, la legge potrebbe imporre alle aziende cinesi di ignorare le sanzioni internazionali e fare pressioni sulle aziende straniere affinché non intrattengano affari con aziende sanzionate dalla Cina, il che potrebbe metterle in difficoltà.

La legge cinese prende di mira principalmente gli Stati Uniti, dove il governo sta usando sempre più sanzioni per prendere posizione contro la politica del governo cinese nello Xinjiang e Hong Kong. Gli Stati Uniti hanno congelato i conti di Hong Kong e dei politici cinesi e hanno vietato agli americani di investire in società legate all’esercito cinese o alle società di sorveglianza. Anche l’Unione Europea, la Gran Bretagna e il Canada hanno recentemente imposto sanzioni contro la Cina.

parole vuote

Pechino di solito risponde con controsanzioni e, seguendo l’esempio degli Stati Uniti, ha stilato una lista di “entità inaffidabili”, ovvero società con cui i cinesi non possono fare affari. “Ma al momento ci manca la base legale per dichiarare le contro-sanzioni”, ha detto Huang Feng, professore di diritto all’Università Normale di Pechino. Posta del mattino della Cina meridionale. “Se queste sanzioni non sono supportate dalla legge, allora queste sono solo parole vuote”.

Carrie Lam, amministratore delegato di Hong Kong, considera la legge come “una torta del loro pane” per i governi occidentali.AP . immagine

Secondo gli analisti, la legge avrà scarso effetto politico: i governi occidentali non le permetteranno di fermarli. Ma le aziende si trovano in una posizione difficile. “Se non applichi queste sanzioni, potresti essere nei guai con gli Stati Uniti, ma se lo fai, potresti subire pressioni da Pechino”, ha detto in una nota Adam Ni, direttore del China Policy Center in Australia. . Posta del mattino della Cina meridionale. “Ogni azienda dovrà valutare per sé i benefici ei costi”.

Il governo cinese afferma che la legge non è intesa per essere offensiva, ma solo per rispondere al “dominio e alle politiche di potere dell’Occidente”, che interferiscono negli affari interni della Cina. L’amministratore delegato di Hong Kong Carrie Lam, che non ha più un conto in banca a causa delle sanzioni statunitensi e afferma di avere un mucchio di soldi in casa, ha espresso la sua approvazione per la legge martedì. “Loro (i governi occidentali, rosso.Assapora il gusto del loro impasto.

READ  La regina Zulu nomina suo figlio successore nel testamento: come le voci di avvelenamento e intrighi all'interno della famiglia portano a un dramma invisibile all'estero