QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Cina potrebbe emanare una nuova legge per punire i genitori di “bambini cattivi” | All’estero

Il disegno di legge significa che i genitori oi tutori di “bambini cattivi o criminali” saranno rimproverati e devono anche seguire i programmi di consulenza genitoriale e familiare. La legge si applica, ad esempio, se i bambini si comportano male a scuola, così come se un bambino – di età inferiore ai 16 anni – commette un reato.

L’obiettivo è promuovere un’istruzione di qualità all’interno delle famiglie cinesi. Inoltre, la legge, che sarà votata questa settimana, mira a incoraggiare i genitori a stabilire tempi sufficienti per far riposare, giocare ed esercitare i propri figli. Chi non rispetta la legge riceverà prima un ammonimento, ma in caso di ulteriore negligenza rischia una multa fino a 1.000 yuan (134 euro) o – a seconda della gravità della situazione – una pena detentiva di cinque giorni.

Pechino ha già preso diverse decisioni quest’anno nell’ambito della “corretta istruzione”. Ad esempio, alcuni mesi fa, il Ministero dell’Istruzione cinese ha annunciato che adolescenti e bambini possono giocare online solo il venerdì, i fine settimana e i giorni festivi dalle 20:00 alle 21:00 (ora locale). Inoltre, la repubblica vuole meno compiti per gli studenti cinesi, in modo da rimuovere parte del “peso accademico”.

READ  Il partito di due mesi vince le elezioni in Bulgaria (grazie a un'affluenza storicamente bassa)