QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Cina vuole ridurre l’uso di energia fossile a meno del 20% entro il 2060 | All’estero

La Cina mira a ridurre l’uso di combustibili fossili a meno del 20% del consumo totale di energia entro il 2060, secondo un piano pubblicato dai media statali domenica, sulla scia dell’impegno del presidente Xi Jinping di ridurre drasticamente l’uso di carbone in Cina. con l’obiettivo di raggiungere la neutralità climatica. Entro il 2060. La produzione e il consumo di energia non dovranno più aumentare l’anidride carbonica2portare a emissioni.




Le nuove linee guida hanno anche ribadito un obiettivo precedentemente formulato dalla Cina: ridurre l’anidride carbonica2emissioni del 18% entro il 2025 rispetto al 2020.

Allo stesso tempo, la Cina continua ad aprire decine di nuove centrali elettriche a carbone. Inoltre, a metà ottobre, il governo di Pechino ha aumentato la produzione interna di carbone e limitato l’energia alle industrie affamate di energia e ad altre fabbriche durante i periodi di picco della domanda. Attualmente, il carbone alimenta quasi il 60 per cento dell’economia cinese.

Una delle linee guida pubblicate domenica afferma che la quota del consumo di combustibili non fossili dovrebbe rappresentare circa il 25% del consumo totale di energia entro il 2030. Inoltre, il 2030 è l’anno in cui la Cina prevede che le emissioni di anidride carbonica per unità di PIL diminuiranno. totale è superiore di oltre il 65% ai livelli del 2005.

Energia eolica e solare

Per raggiungere questi obiettivi, la capacità totale installata di energia eolica e solare deve superare i 1.200 gigawatt entro il 2030. Secondo i dati di TradingPlatforms, la Cina dispone già di 895 gigawatt di capacità rinnovabile, più dei prossimi cinque paesi messi insieme.

READ  Google rende gratuita la schermata di selezione del motore di ricerca Android e mostra più opzioni - tablet e telefoni - notizie

Il nuovo piano climatico di Pechino richiede un cambiamento nelle strutture industriali e afferma che “frenerà risolutamente lo sviluppo cieco” di progetti ad alta energia e alte emissioni. Le autorità chiedono lo sviluppo di industrie a basse emissioni di carbonio.

La pubblicazione delle nuove linee guida arriva in vista del Glasgow Climate Summit, che inizierà il 31 ottobre. Nulla sarà presente personalmente.

Leggi anche: Ludwig, 58 anni, da quattro anni produce la propria elettricità: “I prezzi dell’energia salgono? Non lo sentirò mai più”(+)