QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La combinazione di due farmaci sembra essere molto promettente contro il cancro infantile

© EDM

La combinazione dei due farmaci mostra risultati molto promettenti nel trattamento del neuroblastoma, un tumore raro ma grave che colpisce principalmente neonati e bambini piccoli. È stato scoperto dai ricercatori del Children’s Precision Oncology Laboratory (PPOL) dell’Università di Gand, in collaborazione con il Princes Maxima Children’s Cancer Center olandese e il Memorial Sloan Kettering Cancer Center degli Stati Uniti. La chiave del nuovo trattamento risiede in un farmaco esistente, la Triapina.

fonte: Belgio

Nel neuroblastoma, un carcinoma maligno si sviluppa su un nodo nervoso, ad esempio nell’addome vicino alla ghiandola surrenale. Le cellule tumorali si diffondono in tutto il corpo attraverso i vasi sanguigni e linfatici. La triapina ha un effetto inibitorio sulla produzione dei mattoni del DNA, il che rende le cellule tumorali più sensibili a un altro farmaco, Prexasertib. Le cellule del neuroblastoma rispondono molto fortemente alla combinazione di Triapina e Prexasertib, anche a basse concentrazioni e sia in colture cellulari che in esperimenti su animali.

Pertanto, è in corso una collaborazione europea per valutare una nuova strategia di trattamento per i bambini con neuroblastoma. Anche altri tipi di cancro infantile potrebbero essere trattati meglio con i farmaci in futuro.

I ricercatori di UGent hanno anche scoperto un meccanismo biologico specifico per i pazienti con neuroblastoma ad alto rischio, ovvero una maggiore produzione di DNA che fa sì che le cellule tumorali crescano più velocemente. I farmaci esistenti non sono sufficienti per una buona guarigione.

La ricerca è stata condotta con il sostegno finanziario di Kom op tegen Kanker, Olivia Trust, Children’s Cancer Trust, Cancer Control Foundation e Villa Joeb Fund.

READ  I ricercatori della LUMC vogliono che Karolinska tratti prima l'artrite reumatoide cronica