QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Commissione europea mette in dubbio l’indipendenza dell’autorità belga per la protezione dei dati

La Commissione europea ha affermato che “la risposta del Belgio non ha affrontato le questioni sollevate nella lettera di notifica formale e i membri interessati sono rimasti in carica”. Pertanto, un “parere motivato” è stato ora inviato al nostro Paese. Al Belgio verranno nuovamente concessi due mesi per adottare le misure appropriate. Se il nostro paese fallisce, la Commissione può adire la Corte di giustizia europea.

Le domande saranno poste principalmente a membri esterni dell’autorità per la protezione dei dati. Tra questi c’è il funzionario capo Frank Rubin, che dalle sue varie posizioni è coinvolto nella creazione e nella guida di progetti di dati governativi, che controlla anche lui stesso – come membro dell’Autorità per la protezione dei dati.

All’inizio di quest’anno, Rubin è stato interrogato alla Camera sulle sue varie posizioni e ha indicato che sta affrontando correttamente potenziali conflitti di interesse. Qualcosa che Robin ripete anche ora, anche se dice che non si attiene alla sua posizione. In ogni caso, la Commissione europea si aspetta un intervento dal nostro Paese, un compito del Parlamento. La questione sarà discussa la prossima settimana in Commissione Giustizia della Camera.

READ  I fan di Bitcoin (BTC) fanno cadere il FUD documentario dopo il famoso tweet di Elon Musk »Crypto Insiders