QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Commissione europea vuole rimuovere le restrizioni di viaggio per i turisti vaccinati provenienti da paesi terzi | all’estero

La Commissione europea ha proposto oggi che gli Stati membri riducano le restrizioni sui viaggi non essenziali nell’Unione europea. Ad esempio, l’UNHCR vuole che i turisti vaccinati provenienti da paesi terzi possano recarsi nuovamente nell’Unione europea.




Il presidente Ursula von der Leyen ha annunciato la proposta: “È ora di rilanciare l’industria europea del turismo e di ricongiungersi in sicurezza con le amicizie transfrontaliere”.

L’UNHCR vuole revocare il divieto di viaggi non essenziali per le persone vaccinate provenienti da paesi terzi. Devono essere completamente vaccinati con uno dei vaccini approvati nell’Unione Europea almeno 14 giorni prima della partenza. Ciò potrebbe estendersi ai vaccini elencati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l’uso in situazioni di emergenza. Ad esempio, non è ancora il caso dei vaccini cinesi e russi.

Inoltre, la Commissione chiede anche un’estensione dell’elenco dei paesi terzi i cui residenti sono autorizzati a recarsi nuovamente nell’Unione europea perché la situazione Corona nel loro paese di origine è sotto controllo. Attualmente, ci sono solo sette paesi in quella lista: Australia, Nuova Zelanda, Ruanda, Singapore, Corea del Sud, Thailandia e Cina, soggetti a reciprocità.

Il comitato spera di estendere l’elenco abbassando la soglia. In concreto, vuole aumentare il numero minimo di nuove infezioni ogni 100.000 residenti in un periodo di 14 giorni da 25 a 100. Questo è ancora ben al di sotto dell’attuale media dell’Unione europea di 420, come afferma la Commissione. Ci sono anche altri criteri che continuano a svolgere un ruolo nelle decisioni di espansione dell’elenco.

Procedura di frenata di emergenza

Come contrappeso a questo allentamento, la Commissione chiede misure urgenti di contenimento per evitare che nuove variabili pericolose provenienti da paesi terzi si diffondano nell’Unione europea. In caso di aumento significativo del numero di infezioni di vari tipi di ansia in un determinato paese terzo, gli Stati membri possono decidere rapidamente e in modo coordinato di chiudere i confini a queste popolazioni.

READ  Nove nuotatori sono annegati in mare nel sud della Francia...

Una proposta di comitato è una raccomandazione agli Stati membri. Hanno l’ultima parola sui cittadini di paesi terzi che possono o meno consentire loro di entrare nelle loro terre. La commissione cerca di incoraggiare le autorità nazionali a coordinare il più possibile le loro decisioni. Mercoledì gli ambasciatori dei 27 Stati membri studieranno il testo per la prima volta. La commissione spera di raggiungere un accordo entro la fine di maggio.

Per facilitare i viaggi all’interno dell’Unione europea, un certificato europeo di vaccinazione viene solitamente presentato entro il mese successivo. I cittadini di paesi terzi dovranno inoltre presentare un certificato alle frontiere esterne dell’Unione Europea, attestante che sono stati vaccinati con un vaccino autorizzato.

Leggi anche

Guida di viaggio. Dove posso andare in vacanza quest’estate? Quali sono le regole? Tutte le informazioni attuali sulla destinazione del viaggio