QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La compagnia di spedizioni di container Maersk perde quasi 700 milioni di euro a causa della partenza dalla Russia | Notizia

La compagnia di spedizioni di container e spedizioniere danese AP Møller-Maersk ha perso quasi 700 milioni di euro nel primo trimestre a causa della guerra in Ucraina. Secondo il gruppo dei trasporti, ciò è dovuto ai costi per lasciare le sue attività in Russia.

La compagnia di navigazione, che controlla circa un sesto del commercio globale di container, ha smesso di spedire nuove merci in Russia e ha messo in vendita le quote che possiede nei porti del Paese. Mercoledì, quando ha rilasciato i suoi numeri finali del primo trimestre, Maersk ha detto che Maersk ha completato la sua ultima spedizione in un porto russo lunedì 2 maggio.

Maersk aveva già annunciato a marzo che avrebbe venduto le sue partecipazioni nei porti russi a causa dell’invasione russa dell’Ucraina. Il gruppo possiede una quota di minoranza di circa il 31% in Global Ports Investments. Ciò include sei porti in Russia e due in Finlandia. Lasciare la Russia ha ridotto l’EBIT di 718 milioni di dollari nel primo trimestre, ovvero circa 682 milioni di euro.

La società ha già pubblicato i risultati preliminari il 26 aprile, migliori di quanto gli analisti si aspettassero. Maersk ha anche aumentato le sue previsioni sugli utili per l’intero anno, grazie alla forte domanda di container e al forte aumento delle tariffe di trasporto. La società ha anche indicato che la domanda globale di container potrebbe aumentare o diminuire leggermente quest’anno dell’1%, a causa di problemi nelle catene logistiche e della carenza di container.