QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Corea del Nord invierà presto soldati al fronte in Ucraina dopo aver firmato lo “storico accordo” con la Russia?

La Corea del Nord invierà presto soldati al fronte in Ucraina dopo aver firmato lo “storico accordo” con la Russia?

L’articolo 4 della Convenzione salta subito all’occhio. “Se una delle Parti si trova in uno stato di guerra a seguito di un’aggressione armata da parte di uno o più Stati, l’altra Parte fornirà immediatamente assistenza militare e di altro tipo con tutti i mezzi a sua disposizione”. I due paesi fanno riferimento all’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, che afferma il diritto degli Stati membri all’autodifesa.

Non è immediatamente chiaro cosa significhi esattamente questo per il coinvolgimento della Corea del Nord nella guerra con l’Ucraina. La Corea del Nord si è già schierata inequivocabilmente con la Russia nel conflitto con gli ucraini. Kim ha ribadito la sua posizione anche durante la visita di Putin, affermando che i russi hanno “sostegno incondizionato” nella guerra contro l’Ucraina.

Dal settembre 2023, secondo quanto riferito, la Corea del Nord ha inviato alla Russia circa 10.000 contenitori di munizioni, inclusi 3 milioni di proiettili di artiglieria e oltre 500.000 missili. A gennaio, la Corea del Sud aveva affermato che Pyongyang stava utilizzando il fronte ucraino come “banco di prova” per le sue armi.

Non è sicuro se l’accordo significhi anche che la Corea del Nord invierà presto truppe sul fronte ucraino. Tuttavia, ci sono esperti che credono che sia possibile. Ad esempio, l’analista politico americano Josh Rogin scrive che la Corea del Nord sta diventando sempre più assertiva e persino aggressiva. Kim si è allontanato dalla riunificazione con la Corea del Sud Un satellite militare in orbita attorno alla Terra Testa costantemente nuovi sistemi d’arma. Rogin ritiene che la Corea del Nord si stia preparando alla guerra: non con la Corea del Sud, ma con l’Occidente.

READ  La Russia arresta nuovamente i giornalisti