QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La crescita olandese promette di dimezzare il valore di Alfen in un contesto di profonda crisi di fiducia

aggiornare

26 giugno 2024
15:08

I ritardi nei progetti di stoccaggio dell’energia, cruciali per le ambizioni di crescita di Alfen, stanno costringendo la società olandese di ricarica rapida a emettere un importante avvertimento sugli utili. “Si tratta di una completa violazione della fiducia”, rispondono gli analisti.

Alvin

Mercoledì le sue azioni sono crollate del 50% alla Borsa di Amsterdam, il più grande successo dalla sua IPO nel marzo 2018. L’azienda specializzata in stazioni di ricarica rapida per auto elettriche subisce un altro duro colpo, avendo già perso più di due terzi del suo capitale. valore del mercato azionario. Quest’anno è andato in fumo.

Almere è stata costretta a emettere un nuovo avviso sugli utili. Numerosi importanti accordi nel settore dello stoccaggio energetico previsti per il secondo trimestre sono stati rinviati. I contratti conclusi dopo il secondo trimestre non contribuiranno ai ricavi fino al 2025. Di conseguenza, le previsioni di fatturato e profitto per l’anno in corso dovranno essere riviste in modo significativo. La nuova linea guida del dipartimento prevede ora un calo del fatturato del 20% entro il 2024, mentre fino a poco tempo fa ci si aspettava una crescita del 40%.

-20%

Diminuzione del volume degli scambi

Fino a poco tempo fa si prevedeva una crescita del 40% nel settore dello stoccaggio energetico, ma ora Alvin prevede un calo del 20% nel volume delle vendite.

Questo non è l’unico inconveniente. Gli inconvenienti legati all’umidità sono emersi nel settore delle soluzioni di rete intelligente, che consentono alle pompe di calore, ai pannelli solari e ad altre fonti energetiche nelle case di comunicare tra loro. Per coprire l’impatto, Alvin ha dovuto effettuare una svalutazione una tantum di 7,5 milioni di euro. In questo settore si prevedeva per l’intero anno una “crescita del fatturato di circa il 20%” ma questa percentuale è stata ridotta al 5%.

READ  I mercati azionari europei dovrebbero aprire in piano

Poiché le vendite di veicoli elettrici in Europa crescono più lentamente del previsto, Alfen deve anche ridimensionare le proprie ambizioni nel segmento della ricarica di veicoli elettrici. In questa sezione si dovrebbe registrare un decremento di 3,6 milioni di euro dovuto a vecchie rimanenze che la società potrebbe non essere in grado di vendere. Gli obiettivi di crescita verranno ridotti dal 15% al ​​5-10%.

Alvin prevede ora un fatturato compreso tra 485 e 520 milioni di euro per il 2024. In precedenza, il suo fatturato avrebbe dovuto essere compreso tra 590 e 660 milioni di euro. Riduce inoltre il margine di profitto lordo previsto a circa il 5%.


Questo ultimatum sul profitto mostra la completa mancanza di prevedibilità e controllo di Alfen.

Joren van Aken

L’analista Degrove Peterkam

L’allarme sugli utili arriva appena un mese dopo che Alfen ha riportato i risultati del primo trimestre. “Il fatto che il coltello per affettare sia stato utilizzato così rapidamente in quasi tutte le previsioni dimostra la mancanza di prevedibilità e controllo da parte dell’azienda”, afferma Joren van Aken, analista di Degroof Petercam.

L’ultimatum sul profitto significa che Alfen fallirà il prossimo “test del patto”, ha detto il direttore finanziario Ono Krapp all’agenzia di stampa finanziaria ABM Financial News. Alvin deve quindi rinegoziare i termini del suo debito con le banche, il che potrebbe significare una maggiore pressione sul bilancio. Il flusso di cassa sarà negativo quest’anno.

Bene

“Il mancato rispetto degli accordi di debito con le banche comporterà probabilmente una multa”, prevede Van Aken. Secondo l’analista, ciò alimenta le preoccupazioni degli investitori che Alfen debba ricorrere a una raccolta di capitale di emergenza “che sarà altamente diluitiva” per il prezzo delle azioni.

Il timore di raccogliere capitali in un momento in cui Alfen viene scambiato a un prezzo molto basso spinge rapidamente gli investitori ad uscire. “Questo ultimatum sul profitto è una violazione della fiducia”, afferma Van Aken. Mercoledì il volume degli scambi ha raggiunto i 3,5 milioni di unità, il livello più alto dall’IPO di marzo 2018. Alvin si è poi recato a Damrak per 10 euro. Al suo apice nel settembre 2022, la società olandese era valutata 2,5 miliardi di euro, ovvero 120 euro per azione. Oggi di questa somma restano 344 milioni di euro, ovvero 15,80 euro per azione.

Chi perde nella diapositiva di Alvin?

Alfen ha una partecipazione sporadica senza azionista di riferimento. Il maggiore azionista istituzionale è il gestore patrimoniale Candriam, successore di Dexia e gestore della maggior parte dei fondi di investimento offerti da Belfius. Candriam possiede il 4,99% di Alvin.

Il maggiore azionista non istituzionale è il CEO Marco Rohlefeld. Possiede 106.000 azioni, ovvero lo 0,5% delle azioni della società.