QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“La crescita organica in Italia è finita”

“A causa della guerra in Ucraina, nell’attuale contesto incerto con prezzi delle materie prime in aumento e inflazione all’8%, anche un settore con grandi potenzialità, come il biologico, sta perdendo il suo trend positivo dopo 13 anni di crescita. . In Italia , il fatturato è diminuito dell’1,9% e il volume delle vendite del 2,9%”, afferma Ilenia Nordera, esperta di biologico e membro del Consiglio di Amministrazione dell’Associazione degli Agricoltori Fruitimprese Veneto.

“Il ruolo politico e ambientale del settore biologico è in aumento e la distribuzione è in aumento, ma i consumi e il valore di mercato stanno perdendo terreno. In un contesto di sfiducia generale e perdita di potere d’acquisto, i consumatori sono costretti a riconsiderare le proprie abitudini e priorità. A volte sacrificando qualità”, dice. Uomo d’affari.

Oggi, il settore richiede una risposta rapida da parte di tutti gli operatori interessati per rispondere all’evoluzione della situazione.

“È chiaro che i prodotti biologici non sono più un ‘pollice privilegiato’ e non vengono acquistati da un ristretto numero di consumatori affezionati nei negozi specializzati che adattano la propria economia alla propria filosofia di vita. Oggi il biologico è al supermercato. – infatti, Il 56% delle vendite viene generato – e discount ed e-commerce, in punti vendita alternativi come i mercati locali”.

Per non correre il rischio di “non idoneità” a causa di una scarsa differenziazione del prodotto biologico o di essere troppo condizionati dalla concorrenza sui prezzi, è importante creare diverse soluzioni di vendita con spazi dedicati al segmento biologico con un focus specifico sull’originale e sul biologico segmento. Caratteristiche uniche dei prodotti. In questo modo gli agricoltori possono ancora ottenere prezzi stabili.

READ  Il campionato italiano un tempo dominante ora sta raccogliendo rifiuti

“Con l’aumento delle vendite al supermercato, il gruppo di clienti si è sviluppato e le aspettative e le esigenze informative sono cambiate. L’acquisto di prodotti biologici è legato a un determinato stile di vita e i consumatori biologici mostrano un atteggiamento propositivo prestando attenzione all’ambiente. Sicurezza alimentare e benessere per sé e per i lavoratori, ma è sempre che è pronto a pagare di più, non significa che ci sia, e può creare confusione non essere adeguatamente informati sulle garanzie che offrono i prodotti biologici rispetto ad altri prodotti.

“Il mercato del biologico è un po’ ‘turbato’ da prodotti ‘parzialmente sostenibili’, che non sono definiti o regolamentati con precisione. Sebbene l’impegno per tale coltivazione sia ammirevole, non fanno il trucco in termini di sostenibilità: prodotti “zero residui”. , agricoltura integrata, agricoltura a basse emissioni, non OGM, ecc. Per non parlare della forte concorrenza di un fenomeno diffuso come il greenwashing.

È importante sottolineare che il concetto di “sostenibilità” nasce per definizione nel settore biologico, mentre non è vero il contrario: non è stata la ricerca della sostenibilità a motivare la coltivazione biologica. Molti obiettivi di sostenibilità possono essere raggiunti senza esperienza. Non raggiunto con questo metodo di coltivazione. Alla luce di ciò, penso che il nostro settore e gli operatori che, come noi, hanno contribuito all’importanza del concetto di sostenibilità, abbiano il compito di rispondere in modo più responsabile, soprattutto in termini di comunicazione”, aggiunge Nordera.

“Per calcolare e comunicare il proprio contributo in termini di sostenibilità economica, sociale e ambientale, è necessario puntare sulla differenziazione della classificazione, rafforzare la trasparenza dei sistemi tracciabili e implementare tecniche di processo misurabili. I consumatori hanno elementi sufficienti e chiari per rendere la propria valutazione».

READ  Eliminatorie di sabato 5 febbraio - Israele e Italia fanno la loro scelta - Songfestival.be

“Oltre alle aspettative dei consumatori si è evoluta anche la consapevolezza degli agricoltori, ed è importante che siano supportati da distributori che utilizzino uno stile di comunicazione non particolarmente mirato, in linea con i valori originari dell’agricoltura biologica. Il puro business lato.”

“Ironia della sorte, il momento storico che stiamo vivendo può essere una svolta per il settore, perché in questa fase di crisi climatica e geopolitica, nel mezzo di un cambiamento culturale, la coltivazione biologica conferma di essere la scelta giusta: niente più coltivazioni. Dipendenza dai combustibili fossili, uso responsabile delle risorse, meno inquinamento, un importante contributo alla sicurezza alimentare si basa su nuove opportunità per gli agricoltori, i trasformatori e il settore agroalimentare nel suo insieme e un contributo positivo all’ambiente e alla società”, conclude Ilenia Nordera.

Per maggiori informazioni:
Biocommercio Srl
Via Canesella, 1
37060 Erbe (Verona) – Italia
Telefono: +39 (0)456674315
office@bio-trading.it
www.bio-trading.it