QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La crisi del Corona ha colpito il mercato del lavoro meno del previsto

L’impatto della crisi della Corona sul mercato del lavoro belga è inferiore alle attese. Lo dimostrano gli ultimi indicatori del mercato del lavoro, pubblicati martedì dal Servizio pubblico federale per l’impiego. “Vediamo che la crisi del Corona sta esacerbando ancora di più alcune delle sfide strutturali in corso”, riconosce il ministro del Lavoro Pierre-Yves Dermann (PS).

Si tratta di 230 indicatori per l’anno 2020. Sulla base dei dati preliminari, la situazione nel 2021 rimarrà più o meno stabile, si dice.

Fino al 2019, il mercato del lavoro belga ha assistito a uno sviluppo positivo in quasi tutti i settori. Ma l’improvvisa comparsa del virus Corona nel marzo 2020 ha posto una brusca fine a tutto ciò. Tuttavia, gli effetti non sono stati troppo negativi, anche se alcuni gruppi sono stati chiaramente colpiti più di altri, si dice.

Ad esempio, il tasso di occupazione, ovvero la percentuale di occupati nella popolazione in età lavorativa, è sceso dal 70,5% nel 2019 al 70% nel 2020. Occupazione. La media dell’UE è ancora superiore al 72,4%.

Anche il tasso di disoccupazione è rimasto storicamente basso: al 5,4 per cento nel 2020. Era solo leggermente inferiore nel 2019 (5,2 per cento). “Anche la quota dei disoccupati di lungo periodo sulla disoccupazione totale – un classico punto dolente per il mercato del lavoro belga – è rimasta a un livello relativamente basso”.

Il ministro federale del lavoro Pierre-Yves Dermann (PS): “Grazie a un adeguato e continuo sostegno del governo, l’impatto negativo del peggior shock economico dalla seconda guerra mondiale sull’occupazione è stato molto meno grave di quanto inizialmente previsto. Siamo stati particolarmente efficaci nel mantenere imprese in circolazione e tutela dell’occupazione e del potere d’acquisto dei lavoratori Il fatto che importanti indicatori del mercato del lavoro come il tasso di occupazione siano rimasti pressoché stabili dimostra che sono state fatte le scelte giuste.

READ  Continua a salire il numero di nuovi contagi, ricoveri e decessi: questi gli ultimi numeri di corona

disoccupazione temporanea

In alcune aree, l’impatto della pandemia di Corona è stato evidente. Il più notevole è stato l’aumento della disoccupazione temporanea, con un picco senza precedenti a marzo e aprile 2020, afferma l’FPS. Anche nella prima metà del 2021 era ancora a un livello superiore rispetto alla crisi finanziaria del 2008-2009.

Colpisce anche l’aumento delle faccende domestiche (dal 18,9 per cento al 29 per cento). L’aumento è dovuto principalmente alle persone che lavorano da casa per più della metà del tempo.

In forte calo anche l’orario di lavoro medio annuo per dipendente, che è passato dalle 1.576 ore del 2019 alle 1.481 ore del 2020. La quota del “lavoro interinale” ha mostrato una netta diminuzione nel 2020, principalmente a causa della diminuzione del lavoro interinale e del lavoro studentesco. C’è stata anche una diminuzione del lavoro del sabato e della domenica nel 2020, che è aumentata in modo significativo dal 2018. Ha affermato che questo calo potrebbe riflettere l’impatto significativo sul settore dell’ospitalità.

Alcuni sono più colpiti

A causa del fatto che non tutti i settori hanno dovuto ridurre la propria attività nella stessa misura durante la pandemia, alcuni lavoratori sono stati colpiti più di altri. Ciò riguarda in particolare i giovani, i migranti non comunitari poco qualificati e le persone con disabilità sul lavoro. Il rischio povertà non è aumentato, “probabilmente per le misure di sostegno”.

Tra i giovani (20-29 anni) si registra una significativa diminuzione del tasso di attività: dal 67,2 per cento al 64,4 per cento. Il numero di abbandoni scolastici precoci è diminuito ancora di più nel 2020, nonostante l’apprendimento a distanza. Anche il numero dei NEET (Young People Né in Work né in Education, Editor) è rimasto abbastanza stabile.

READ  Van Volsem vuole ridurre l'indice salariale per evitare "l'impoverimento di massa"

Il ministro Derman riconosce: “Riteniamo che la crisi del coronavirus stia esacerbando alcune delle sfide strutturali in corso”. La situazione è diventata ancora più drammatica per i vari gruppi che già si trovavano in difficoltà nel mercato del lavoro. Sviluppiamo piani su misura per loro attraverso le nostre conferenze annuali sul reclutamento, che oggi sono più importanti che mai. Il ministro ha indicato che il primo piano d’azione sui lavoratori anziani sarà presentato al governo questo mese. Seguirà a giugno la seconda conferenza sull’occupazione degli extracomunitari.