QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La crisi è dura, anche per i clienti di Meir: “Venivo qui ogni settimana, ora solo una volta al mese” (Anversa)

© Wim Kempeners

© Wim Kempeners

© Wim Kempeners

A causa della crisi energetica e dell’elevata inflazione, il 65% dei fiamminghi spende meno per lo shopping. Lo dimostra uno studio condotto dall’organizzazione imprenditoriale Unizo e dal sindacato Comeos. Ciò era evidente anche sabato al Meir di Anversa. Era abbastanza affollato, forse perché era il weekend dei clienti, ma molte persone tenevano comunque d’occhio la spesa.

Christoph Willlock

Prima della crisi andavo da Meir ogni settimana. Ora solo una volta al mese”, ha detto il tassista Changiz Haenareh (37 anni). “Quindi sono qui oggi, ma guardo i prezzi in ogni negozio. Ad esempio, spendi molto meno denaro in prodotti di lusso, come i profumi. In questi giorni vado da Aldi o Lidl e non torno mai più a Carrefour. I prezzi bassi ora sono più importanti dell’alta qualità. Dovrei davvero prestare attenzione, anche se ho un lavoro e vengo dalla classe media. Non sappiamo cosa ci riserverà il futuro. Forse questo è solo l’inizio della crisi”.

Changis sente i clienti lamentarsi della crisi del suo taxi ogni giorno, dice. Ilona Van Shayk (40 anni) lavora come parrucchiera e ogni giorno le viene anche detto quanto devono pagare i suoi clienti per le loro energie. “Ma ad essere onesti: io non prendo molta attenzione ai miei soldi. Non sono in modalità economica”, dice. “Durante il Corona sì. Poi il mio barbiere, Tiptop nel comune olandese di Schijndel, ha dovuto chiudere per diversi mesi. Non avevo stipendio e quindi ho dovuto fare grandi risparmi. Ora il mio parrucchiere è aperto, quindi non mi sento come la situazione Quella attuale è una crisi. Forse arriverà. Ma mi diverto a fare shopping finché posso”.

© Wim Kempeners

Non più andare al supermercato

È chiaro che le famiglie con cui abbiamo parlato a Meir hanno una cultura del risparmio. “Dopo la crisi, non andiamo più al supermercato”, dice Brenda van Mazek, 49 anni, che è stata in viaggio con il marito Marco e la figlia Celine. “Abbiamo tutto consegnato internamente, quindi non facciamo acquisti sconsiderati. Meno patatine, meno biscotti, meno caramelle. Da mamma, preferirei passare un anno in più con il mio vecchio cappotto piuttosto che comprarne uno nuovo. Ci sono anche aspetti positivi in ​​questa crisi: Nostro figlio ha smesso di fumare. Nonostante questi risparmi, è ancora più difficile di prima, anche se apparteniamo alla classe media. E nessuno può dire per quanto durerà questa crisi ultimo. Il futuro è un grande punto interrogativo”.

© Wim Kempeners

Anche la mamma Inge Erden, 44 anni, e la figlia Elaine Pope, 11 anni, di Prashat, si stanno prendendo cura delle loro finanze in questi giorni. “Trascorriamo meno tempo in bagno e teniamo meglio le nostre porte interne chiuse, così non dobbiamo surriscaldarci”, dice Inge. “E dopo la crisi vado in negozio solo con un menù. Quello che non c’è non va nel carrello. Per il resto andiamo al ristorante molto meno. Andiamo tutte le settimane. Ora a la maggior parte due volte al mese. Non credo che andrà meglio. Tutto quello che possiamo fare è aspettare con impazienza di indicizzare i salari a gennaio. “

Oggi la mamma di Angie ha permesso alla figlia di fare una piccola eccezione. “Ho fatto qualcosa che non le piaceva molto e che richiedeva una ricompensa”, dice Angie. “Così siamo andati a Primark per ottenere un rullo facciale. Ma in realtà non lo facciamo più ogni settimana”.

© Wim Kempeners

READ  "Non ce n'è bisogno"