QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La crisi energetica colpisce “Baker Jens”: i fratelli chiudono due delle tre filiali di Anversa | Anversa

AnversaTriste notizie da North Antwerp. Le filiali di Bakker Jens a Merksem e Kalmthout saranno chiuse definitivamente. Hai già intuito il motivo principale: l’aumento dei prezzi dell’energia. La filiale Bakker Jens di Ekeren rimarrà per il momento aperta. “Ma onestamente? Stiamo pensando di chiudere anche lì”.

La sua panetteria: Jens Ribbins (27) di Calmthot l’ha sognata sin da bambino. E, certamente, con sua stessa sorpresa, è riuscito a realizzare questo sogno d’infanzia. Cinque anni fa, Jens ha aperto la propria attività: “Bakker Jens” a Ekeren. Ben presto, il fratello del genere Jorg (29), che ha una mentalità imprenditoriale, si unì all’azienda. Le cose si mossero rapidamente sotto il suo impulso. Furono acquistati forni. D’ora in poi, “Bakker Jens” non era più una panetteria fredda, ma una vera panetteria calda.

e clienti? Ben presto trovarono la strada per la panetteria dei fratelli in Ekerse Molenstraat. Ha fatto sognare a Jens e George un secondo ramo. Ci sono capitati due anni fa a Bloemstraat a Calmthot. E, come se tutto ciò non bastasse, a maggio di quest’anno è stata aperta una terza filiale di Bakker Jens: a de Lunden a Merxem, vicino al Jan Balvejn Hospital.

Disperazione

Ma l’euforia dei fratelli si trasformò presto in disperazione. “Abbiamo calcolato tutto con molta attenzione: aprire una terza filiale era del tutto possibile”, afferma Jorg. Ma improvvisamente i prezzi delle materie prime – il grano, per esempio – hanno cominciato a salire a causa della crisi in Ucraina. Sta diventando sempre più difficile rendere redditizia la nostra attività. Non dimenticare inoltre: avevamo sei persone che lavoravano in modo permanente. Pagare i nostri dipendenti: è diventata una parte importantissima del budget”.

READ  Le banche non hanno prestato molti soldi per i prestiti per l'acquisto di case | Capitale

Per ridurre i costi, Jens e Jorg si sono messi al lavoro per servire i clienti. Ma il coraggio di persistere ha continuato a sprofondare nei loro panni. “Abbiamo iniziato a pensare ad alta voce al futuro della nostra attività. In realtà volevamo fermarci. Ma abbiamo comunque continuato”.

Jens e George hanno affermato di flirtare. Di recente hanno anche esaminato la loro bolletta energetica. “Davvero, sono caduto da una sedia”, dice Jörg. “È pazzesco. Gas ed elettricità… penso che stiamo pagando dieci volte quello che abbiamo pagato.”

violento

Ciò ha costretto Jens e George a prendere una decisione drastica: due delle tre filiali di Packer Genesis – Kalmthout e Marksim – sono definitivamente chiuse. “Non prendiamo questa decisione alla leggera”, dice Jorg. “Ma dobbiamo fare qualcosa. Se manteniamo la nostra attività aperta e ci comportiamo come se non ci fosse niente di sbagliato, andremo in bancarotta. E perderemo tutto? Vogliamo evitarlo a tutti i costi, soprattutto in giovane età”.

La filiale Bakker Jens di Ekeren rimarrà per il momento aperta. “Ma francamente? Stiamo pensando di chiudere anche lì. Il nostro commercialista sta attualmente facendo un esame dettagliato di come stiamo andando”.

La decisione di chiudere è difficile. Non solo da Jens e Jorg. Anche con molti clienti che hanno visitato Bakker Jens negli ultimi anni. “Nel frattempo, la notizia si sta diffondendo a macchia d’olio”, afferma Jörg. “Ovviamente i nostri clienti sono molto frustrati. Ma in qualche modo – e lo notiamo molto chiaramente – capiscono la nostra decisione. Questi non sono tempi facili per nessuno”.

lavoro permanente

Jens e Jorg ora sperano che si faccia avanti un candidato che vuole prendere il controllo del sottomarino Bakker Jens. “Forse un attore importante nel mondo della panificazione? Non lo so. Le nostre filiali hanno sicuramente molto potenziale. E la filiale di Ikirin? Dobbiamo aspettare e vedere come finisce questa storia”.

READ  Gli hacker russi stanno eseguendo di nuovo un attacco informatico su larga scala

Jorg non vuole guardare troppo avanti in questo momento. “Ma una volta che tutto questo sarà finito, inizierò a cercare un lavoro a tempo indeterminato il prima possibile. Questo è certo.”

Bakker Johann Hendricks mette fine a una nota azienda di famiglia dopo 68 anni: “Mi mancherà di più il cast”

“Questo mese pago 4.300 euro gas ed elettricità… e il governo non fa nulla”: il fornaio di Bruges lancia l’allarme per l’aumento dei prezzi di energia e materie prime

Eve e Nadia sono costrette a chiudere i battenti della macelleria di Karimi: “Le spese energetiche esorbitanti non ci lasciano altra scelta”

Marilyn (72) e Walter (73) hanno temporaneamente chiuso la loro panetteria a causa dei prezzi elevati dell’energia: “Le bollette sono tre volte superiori a quelle di inizio anno”

Baker Janes a Merksem © Classi di Scherder

Baker Janes a Merksem

Baker Janes a Merksem © Classi di Scherder