QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La cucina interna del Team DSM, dove tutti fuggono (1): ‘Sono trattati come bambini’ | Ciclismo

Dopo ogni partenza, i punti interrogativi crescono. Un velo di mistero aleggia sul Team DSM a causa dei tanti piloti che fuggono da esso e poi si fermano in silenzio. Cosa non va dietro le quinte dell’ambizioso team? Sporza ha raccolto testimonianze di alcuni esperti attraverso l’esperienza. Nella prima parte: Mancanza di flessibilità. “Il protocollo di squadra è un punto di forza che è diventato una debolezza.”

“Il Team DSM accetta di rescindere il contratto con Tiesj Benoot.”

Martedì, la squadra olandese (tedesca) del WorldTour ha rilasciato ufficialmente la notizia della scissione, che era nell’aria da tempo.

Punizione: nessuno ha più paura. Tiesj Benoot è già innumerevoli partenze anticipate. È stato preceduto da Tom Dumoulin, Warren Bargel, Mark Hershey, Marcel Kittel, Michael Matthews, Edward Theon e Ilan Van Wilder.

Elenco solido. Il mondo del ciclismo pullula di storie. Ma dove si verifica esattamente questo errore?

Gli ex corridori De Backer, Vervaeke e Waeytens condividono le loro esperienze

“In primo luogo, voglio sottolineare che c’è molto di buono nella squadra”, ha detto Bert de Bakker, un pilota DSM dal 2009 al 2017.

“Fai l’80% di ciò che il Team DSM fa per le altre squadre e tutte quelle squadre diventeranno le migliori squadre”.

DSM si concentra sulla scienza e unisce tutto. La borraccia di ogni passeggero ha lo stesso contenuto, indipendentemente dal dipendente responsabile. La possibilità che la tua prima, seconda e terza moto siano uguali sul DSM è molto maggiore rispetto ad altre squadre, ecc.

Anche Louis Vervaijk e Zico Wittens hanno ricordi positivi del periodo DSM. “Mi sono sovrallenamento alla Lotto-Soudal e stavo cercando conoscenze sul ciclismo scientifico. L’ho trovato al DSM”, dice Vervaeke.

“Ho imparato molto soprattutto nel coaching e sul mio ruolo di candidato”, afferma Waeytens. “Abbiamo sempre ricevuto il nostro programma molto presto. Tutto è stato organizzato nei minimi dettagli”.

Bert de Bakker lavora con uno dei predecessori dell’attuale team, DSM.

“Dovevamo ascoltare il signore e la signora insegnante”

Il DSM è noto per i suoi rigidi protocolli, che prevedono una serie di regole. “Quando ho firmato con la squadra, ho scelto di accettare le regole”, afferma Vervaeke.

Ma a volte sono andati troppo lontano nelle loro basi”, dice un pilota straniero che desidera rimanere anonimo. “Le regole erano estreme, soprattutto nell’area dell’abbigliamento”.

“In certe occasioni dovevi indossare un cappotto lungo. Sul podio a volte dovevi indossare i guanti, e altre volte nessuno poteva indossare i guanti”.

Waeytens: “Dopo la Clasica San Sebastian, la squadra mi ha chiamato una volta: ‘Ha funzionato davvero bene. Tom Dumoulin era molto contento di te”, sembrava. “Ma abbiamo visto che non avevi un podio quando hai iniziato a firmare il tuo foglio di partenza”.

“Ci stavamo lamentando di tutte quelle piccole cose. Ma come pilota, non vuoi essere coinvolto in questo. Fondamentalmente vuoi allenarti e competere. “

Siamo stati trattati come bambini piccoli. Se non fai qualcosa di giusto, devi stare in un angolo, per così dire.

Testimonianze dei nostri redattori sul DSM

Inoltre, i corridori non possono deviare di un millimetro dal loro programma di allenamento. “Guai a te se ti alleni in modo un po’ diverso per un giorno”, dice un concorrente anonimo. “Ho chiamato subito un impiegato arrabbiato e tu hai dovuto giustificarlo.”

“Avevano un protocollo per tutto. Era davvero estremo. E ogni anno venivano aggiunte nuove regole. Regole sui nervi dei ciclisti”.

“Ci siamo sentiti come se dovessimo ascoltare il signor e la signora insegnante tutto il tempo. Siamo stati trattati come bambini”, dicono due dei cavalieri. “Se non fai qualcosa di giusto, devi stare in un angolo , com’era.”

“Alcuni piloti potrebbero aver bisogno di questo approccio. Ma in particolare, i piloti più anziani non hanno bisogno di molte regole inutili che all’epoca erano inutilmente complicate”.

Louis Vervaeke è passato da Sunweb su Alpecin-Fenix ​​a Quick Step-Alpha Vinyl.

16 telefonata per regolare la sella

Tutti i piloti con cui abbiamo parlato condividono la stessa opinione. “Non conoscono la flessibilità del Team DSM.”

“Quando volevo alzare la sella di 3 millimetri, il meccanico ha dovuto fare 16 telefonate, per così dire”, dice Whitness.

“Prima di tutto, la persona responsabile dell’attrezzatura deve essere contattata e persuasa del motivo per cui vuoi la tua sella. Alla fine, ci è voluto molto tempo prima che questo aggiustamento avvenisse davvero”.

De Bakker: “Se pensi di aver bisogno di più polvere nella tua bottiglia d’acqua, dovresti prima controllarla. Poi hai dovuto passare attraverso tutti i tipi di test che dovrebbero dimostrare che stai effettivamente bruciando più energia durante lo sforzo. “

“Ma potrebbe volerci molto tempo. Quando finalmente è stato permesso di diventare più polveroso, la stagione era quasi finita”.

Il protocollo di squadra è un punto di forza che è diventato una debolezza. Se stai usando la cosa giusta in modo sbagliato, hai un problema.

Bert de Bakker

Frequenti sono anche gli scontri tra la squadra ei cavalieri a livello medico. “Risolvono tutto internamente con gli esperti. Va bene”, afferma de Bakker.

“Ma quando ho avuto un problema medico, avrei potuto trovare una soluzione migliore con contatti migliori. Ma no: i loro esperti devono risolvere tutto. Come pilota, sei obbligato a chiamare solo gli esperti del team”.

Wittens incolpa anche la squadra per la mancanza di una buona supervisione medica. “Durante un periodo di allenamento invernale, ho costantemente sottolineato che non mi sentivo bene. Nelle classiche non è andata bene dopo, ma la squadra non ha voluto aiutarmi. Poi ho fatto io stesso un controllo allo stomaco. “

“A quanto pare, avevo batteri allo stomaco e un’ulcera. Ho dovuto prendere 120 pillole di antibiotici. Ma il team ha detto ‘Aspetta con gli antibiotici e guida prima Eschborn-Francoforte. Ho ucciso l’intero anno con questo. Mentalmente è stato a il tempo. Arriva totalmente’.” .”

De Bakker: “Il protocollo di squadra è un punto di forza che è diventato un punto debole. Se usi male la cosa giusta, hai un problema”.

Zico Waeytens è ora un ex pilota.

Il secondo articolo discute l’impatto sportivo della squadra DSM

Più tardi nella giornata di oggi, pubblicheremo un secondo articolo con i voti sulla cucina interna del Team DSM. L’impatto sportivo viene esaminato e questo si traduce in voci critiche sulla gestione e sull’allenatore del WorldTour Team.

READ  campionato europeo. Sbagliare un calcio di rigore porta a una conclusione pazzesca in...