QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La delusione trionfa al club dopo che né De Kitellari né Lang hanno vinto la Scarpa d’Oro: ‘Per me la logica era diversa’ | Scarpa d’oro

Scarpa d’oroNessun premio importante per Charles De Ketelaere (20), che è diventato Promise of the Year per la seconda volta consecutiva come una centrale elettrica. E così il super talento viaggerà presto all’estero senza la Scarpa d’Oro: “Da concorrente ci speravo di sì”.




leggere qui Tutte le notizie sulla Scarpa d’Oro

Tutti i suoi antenati blu e neri lo avevano messo con lo stivale d’oro. Anche al di fuori di Bruges, è stato spesso considerato uno dei preferiti. Tuttavia, Charles De Ketelaere ha dovuto accontentarsi di un premio laterale: per la seconda volta consecutiva ha ricevuto il titolo di Promise of the Year.

Si esibisce allo stesso modo di Yuri Tillmans, che ha vinto nel 2014 e nel 2015. De Ketelaere ha lasciato i suoi contemporanei molto indietro in questo momento. Ha accumulato ben 629 punti, un multiplo dei punti di Lange (186) e Gomez (185). Sfortunatamente, non è altro che un premio di consolazione per King Charles, che ha conquistato il terzo posto dopo la Scarpa d’Oro di Paul Onwacho. “Ha già superato quella fase della promessa dell’anno”, ha osservato la scorsa settimana l’analista di casa Mark DeGreese.

La prima delusione con de Kitilari dopo che Onwacho si è incoronato con la Scarpa d’Oro, hanno detto in molti. Il CEO Vincent Manart e il presidente Bart Verheig si sono precipitati al tavolo di Charles, dove hanno abbracciato de Kettleri e il suo entourage. “Certo che sono deluso. Se sei uno dei tre contendenti, speri sempre di vincere. Non hai alcuna influenza sulle persone che votano. Puoi solo fare del tuo meglio in campo e lo faccio sempre quello. Anche se Onwacho lo meritava.”

READ  Il compagno di squadra Van Uht van Ayrt esulta subito dopo uno sfogo pazzo ...

Abito sartoriale e fiocco

E se de Kettleri sia volato ad Anversa mercoledì sera è piena di suspense. Nonostante la sobrietà del CDK, questo deve essersi avvicinato al suo debutto a sorpresa contro il PSG in Champions League in oltre due anni. Bruggeling è entrato alla fiera di Anversa intorno alle 18:30. Indossa un abito blu scuro e un fiocco al collo. Con la sua fidanzata Josephine, mamma Isabel e papà Francis al seguito. E il premio Promise of the Year è già in tasca, poiché gli è già stato assegnato la scorsa settimana durante il suo stage a Marbella. Tuttavia, de Kettleri è venuto ad Anversa per di più, ma non sarebbe stato così. Nonostante un anno solare molto forte, con un nuovo scudetto e dodici gol dall’estate, De Ketelaere ha visto Onuachu iniziare a camminare con il saltatore di testa. “Ne abbiamo parlato molto con Noah e Hans. Penso che siamo tutti delusi. Ecco perché siamo diventati i migliori atleti. Fortunatamente, gli sport di squadra sono i più importanti. Ora siamo completamente sulla strada per il campionato”.

Il fatto che De Ketelaere abbia saltato subito i top player di ieri significa che lascerà la competizione senza mai vincere la Scarpa d’Oro. E questo per il più grande talento degli ultimi anni, per il quale “il cielo” sembra essere il “massimo”, come lo ha dato Carl Hofkins quando ha presentato il suo trofeo a Promise sul palco. “Non la penso così ora. Vedremo cosa riserva il futuro. Ero qui ora sperando di vincere quella coppa. Sfortunatamente, non ha funzionato”.

© Foto Notizie

Vincent Manart: “La logica era diversa per me”

“Pensavo che i primi tre fossero tutti forti candidati per la Scarpa d’Oro”, ha risposto Vincent Manart subito dopo l’elezione di Paul Onwacho. “Ma sono sbalordito, perché ero convinto che uno dei nostri giocatori ce l’avrebbe fatta. Mi sentivo anche molto a mio agio con quello. Copre entrambi i tempi della stagione e sia Noah che Charles sono stati molto regolari. Al primo turno di votazioni siamo diventati campioni. È uno sport di squadra, ma entrambi hanno fatto molto bene”. In quel periodo. Noah è stato una sensazione, e questo è evidente anche dai suoi passaggi e gol. Charles ha forzato la decisione agli spareggi con il gol a in casa contro l’Anversa e due magnifici passaggi all’Anderlecht. Poi hanno tirato la serie positiva. Charles ha sicuramente fatto una mossa seria, ma anche Noah”.

“Entrambi sono arrivati ​​in nazionale e hanno dimostrato in Champions League di poter gestire questo livello. È chiaro che Onwacho è stato eccezionale nella prima metà della stagione, segnando molti gol. È un buon attaccante, ma è stato meno regolari rispetto ai ragazzi. Erano tre grandi candidati e solo uno può vincere, ma la logica era diversa per me. Ciò non toglie il merito di Onuachu, ma se giochi nella squadra migliore e lo fai ai massimi livelli, Merita anche questo. Dipende solo dal livello in cui giochi. Gioca Noah e Charles giocano in Champions League e giocano per la loro nazionale. Questo è il livello più alto ed è qui che si sono mostrati”.

Vincenzo Magniart

Vincent Maniert © Joel Hoelaerts/Notizie fotografiche

Le 5 migliori promesse dell’anno:

1- Charles de Kettleri (Club Brugge) 629 punti
2- Nuwa Lang (Club Brugge) 186 punti
3- Sergio Gomez (Anderlecht) 185 punti
4- Albert Sambi Lukonga (Anderlecht) 124 punti
5- Anouar Ait El Hajj (Anderlecht) 95 punti

Carlo di Kettlery.

Carlo di Kettlery. © BELGA

albo d’onore

2013: Pericolo di spine
2014: Yuri Tillmans
2015: Yuri Tillmans
2016: Leon Bailey
2017: Henry Onikoru
2018: Wesley Moraes
2019: Jari Verschaeren
2020: Charles de Kettler
2021: Carlo de Kettleri