QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Design Room sostiene all’unanimità l’istituzione del core billing presso Engie-Electrabel | interno

La sessione plenaria della Camera di giovedì ha dato all’unanimità il via libera a un disegno di legge sulle materie nucleari. Il testo del ministro dell’Energia Tinne Van der Straeten (verde) mira a garantire che l’operatore della centrale nucleare, non il contribuente, sopporti i costi futuri della disattivazione e della gestione delle scorie nucleari.

È ormai noto che cinque centrali nucleari su sette nel nostro Paese saranno chiuse nei prossimi anni. Lo smantellamento combinato di questi siti e la gestione dei rifiuti radioattivi costerà 41 miliardi di euro e probabilmente i lavori proseguiranno anche dopo il 2100. Il ministro dell’Energia Tine van der Straiten parla costantemente di “il cantiere navale più lungo, costoso e accurato del nostro Paese” .

La società energetica francese Engie gestisce centrali nucleari nel nostro paese attraverso Electrabel. L’intento è che il gestore della centrale nucleare, in questo caso Electrabel, si faccia carico dei costi. A tal fine, nel 2003 è stata creata Synatom, una sussidiaria di Engie-Electrabel dove attualmente sono stati realizzati quasi 14 miliardi di euro di assegnazione nucleare.

Il denaro non è disponibile

C’è solo la paura che i soldi non siano pronti quando ne avrai bisogno. Questo perché Electrabel può prendere in prestito denaro da Synatom da sola. A fine 2021, secondo Van der Straeten, poco più di 8,3 miliardi dei 14,4 miliardi di euro erano stati prestati a Electrabel.

Un disegno di legge di Van der Straeten mette ora fine a questa possibilità. Electrabel dovrebbe rimborsare i prestiti a Synatom entro il 2030 e la maggior parte del denaro dovrebbe essere rimborsata entro il 2025, secondo Van der Straeten.

READ  Un uomo d'affari cinese vede una fortuna di oltre un anno a 27 miliardi...

Fattura non per contribuenti

Inoltre, la Nuclear Utilities Authority (CNV) sta guadagnando più forza. La CNV dovrà dare la sua benedizione in anticipo se Electrabel vuole pagare dividendi alla casa madre francese Engie o ridurre le proprie risorse. Questo dovrebbe impedire a Engy di smontare l’Electrabel e il conto base scade ancora con il contribuente. Alcuni mesi fa, Elektrabel ha incanalato in questo modo più di 1,2 miliardi di euro a Engie.

Stoccaggio di scorie radioattive

Giovedì sera, l’intero consiglio ha approvato un altro disegno di legge presentato da van der Straiten, che dà voce ai belgi su come immagazzinare i rifiuti radioattivi. Non c’è ancora una soluzione definitiva a questo. Un decreto reale dovrebbe spiegare questo in modo più dettagliato entro la fine dell’anno, ma l’intenzione è che la Fondazione King Baudouin organizzi e sovrintenda al processo. Il “Grande Dialogo Nazionale” dovrebbe iniziare questo autunno e durare almeno 18 mesi.

Van der Straeten stringe un accordo con Engie per celebrare la National Day: “Non andremo mai in vacanza prima”

Esperto di energia: “Se non agiamo ora, saremo completamente alla mercé di Putin questo inverno”