QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La dolorosa sconfitta contro il Rapid Wien significa il canto del cigno europeo del Genk | Campionato Europeo 2021/2022

Il Racing Genk è esausto in Europa. Il Limburger ha ancora la possibilità di trascorrere l’inverno in European League o Conference League, ma ha subito una dolorosa sconfitta in casa contro il Rapid Vienna e ha perso le mani. Un nuovo colpo alla squadra del nuovo allenatore Bernd Stork.

Racing Genk – Rapid Vienna in poche parole:

  • Momento chiave: Mezz’ora dopo, il Rapid Vienna passa meritatamente in vantaggio. La perdita del pallone dopo un calcio d’angolo del Genk porta a una ribattuta tagliente di Vienna e Schek Ljubicic centra il primo gol.
  • uomo partita: Robert Ljubicic ha segnato l’unico gol della serata e ha portato la sua squadra alla fase a gironi nell’ultima partita del girone. Senza il forte portiere Vandevoordt, avrebbe aiutato lo 0-2 poco dopo l’intervallo.
  • distinto: Il Genk aspetta la vittoria dalla fine di ottobre. Dopo la vittoria in trasferta su Zolte Wargem, non era già riuscito a vincere 8 partite di fila, con 4 partite Un pareggio e 4 sconfitte.

Cambiare allenatore non ha effetto

All’inizio Bernd Storck ha subito superato un esame difficile e il suo obiettivo era l’inverno europeo. E’ stata anche l’occasione per i giocatori del Genk di conquistare la fiducia del nuovo allenatore, ma nel primo tempo non si sono arresi.

Il Rapid Vienna ha mostrato passione e ha immediatamente guidato un genio debole. Grull ha messo al lavoro Vandevoordt per la prima volta quindici minuti dopo e cinque minuti dopo, la guardia di Genk ha dovuto sfoggiare la sua abilità in un tentativo di Kara.

Il Genk si è reso pericoloso solo quando il veloce portiere Gartler ha floppato, ma Thorstvedt ha potuto solo prendere un calcio d’angolo. Ha anche condotto 0-1 a favore del Rapid dopo che il Genk ha perso la palla. Trovò Cheek Ljubicic e completò bene il contatore.

Ljubicic completa un veloce contropiede e realizza Rapid Wien 0-1

Il digiuno non rinuncia più al comando

Stork ha lasciato Onwacho, Cuesta e Lukumi in squadra all’inizio della ripresa, ma è stato ancora una volta Rabid a causare il primo pericolo. Vandevoordt ha evitato con un buon intervento che Strunz avrebbe potuto subito effettuare un brusco arresto del contatore.

Tuttavia, c’è stato improvvisamente più slancio a Genk. Gartler ha dovuto distinguersi due volte, prima su un low kick di Onuachu e ha anche impedito a Thorstvedt di pareggiare con una bella spazzata.

Dopo un buon inizio, il Genk è svanito di nuovo. La squadra di casa ha continuato ad accumulare calci d’angolo, ma non ne ha ricavato molto. Il bel sostituto di Owen ha dato ai tifosi del Genk qualche speranza nella fase finale, anche se è stato Cuesta a perdere l’ultima occasione con un pareggio e quindi un biglietto per la Conference League.

Onuachu arrabbiato va da naso a naso con ref

  1. Il secondo tempo, il minuto 97. La fine. Per la prima volta in chiave secondaria per il nuovo allenatore del Genk Bernd Stork. Il Genk è stato eliminato in Europa dopo una sconfitta casalinga per 0-1 contro il Rapid Vienna, finendo desolato nel suo girone. .
  2. Il secondo tempo, al 97′, la partita è finita
  3. Nel secondo tempo, al 94′ Cuesta annuisce lontano! Il quattordicesimo corner del Genk sfiora il pareggio. Questa rimbalza in alto sul palo più lontano, ma non ottiene il suo titolo all’interno dell’inquadratura. .
  4. Secondo tempo, minuto 94. L’ultimo colpo di testa di Cuesta va troppo lontano.

    Il colpo di testa finale di Cuesta è ancora lontano

  5. Cartellino giallo per Paul Gartler dal Rapid Vienna nel secondo tempo, 93′
  6. Secondo tempo, minuto 92. Gartler continua il caos. Gartler si spaventa di nuovo velocemente fermando a lungo e poi calciando la palla contro Onwacho, ma l’attaccante non è abbastanza lì per intercettare la palla. .
  7. Il secondo tempo, il minuto 91,6 minuti aggiuntivi. Il Rapid non ha mancato di guadagnare tempo nel secondo tempo, quindi i 6 minuti in più sembrano una decisione giusta da parte della direzione del gioco. & nbsp; .
  8. Cartellino giallo per il KRC Genk Carlos Cuesta nel secondo tempo, 91′
  9. Il secondo tempo, al 90. Sostituzione al Rapid Vienna, entra Marko Dijakovic, esce Maximilian Ullmann.
  10. Secondo tempo, minuto 83. Owen non riesce a raggiungere Unwacho. Oyen ora si occupa dei flash a Genk. Aiwu mette liscio al vento sulla sinistra e tira bene la palla davanti alla porta dalla linea di fondo, ma Gartler è in allerta e passa la palla a Onwacho che scivola in angolo. Ripeto, non produce nulla. .
  11. Secondo tempo, minuto 82. Che perdita per Stork se il Genk fosse stato eliminato qui in casa dalla squadra più debole sulla carta. Filippo Goss.
  12. Il secondo tempo, minuto 81. Bongonda per poco non ruba palla al velocissimo portiere.

    Bongonda ha quasi rubato la palla al portiere veloce

  13. Il secondo tempo, minuto 81. Gartler sopravvive illeso. Gartler ha sbagliato un passaggio, come ha fatto nel primo tempo. Bongonda non può approfittarne. .
  14. Nel secondo tempo, al minuto 79. Owen crea subito il pericolo. Oyen non perde mai il suo ingresso. Rimbalza bene a sinistra e non spara molto lontano. Riuscirà Genk a sviluppare un altro attacco definitivo? .
  15. Secondo tempo, minuto 79. Sostituzione in KRC Genk, Luca Oyen dentro, Ongelo Preciado fuori
  16. Il secondo tempo, al 78′, la magistratura europea è minacciosa. Anche a Genk, una nuova forza nella squadra è stata abbandonata con Owen. Preciado allevia. Il tempo stringe per la squadra di casa per evitare di uscire dall’Europa. .
  17. Secondo tempo, minuto 78. Owen sbaglia di poco.
  18. Cartellino giallo Filip Stojkovic del Rapid Vienna nel secondo tempo, minuto 77
  19. Cartellino giallo per il Rapid Vienna Marco Grohl nel secondo tempo, 76′
  20. Secondo tempo, 76′ Sostituzione al Rapid Vienna, entra Jonas Antonios Auer, esce Marco Grol.
READ  'Un duro colpo per il Brugge: la scomparsa dei super talenti e il crollo di milioni di trasferimenti' Calcio 24