QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La filiale fiamminga sviluppa una sedia a rotelle intelligente con…

immagine dell’argomento.

Una filiale del KU Leuven Campus Bruges ha lanciato una sedia a rotelle intelligente per le persone “intrappolate nei loro corpi”. L’invenzione utilizza sensori e intelligenza artificiale che assicurano che un piccolo movimento del piede o della testa possa controllare la sedia a rotelle. In questo caso, i movimenti involontari vengono riconosciuti e ignorati.

DVDFonte: belga

“Riguarda, ad esempio, gli utenti di sedia a rotelle con paralisi cerebrale. Sono in reclusione: sono, come erano, intrappolati nei loro corpi. Le loro capacità intellettuali sono ancora buone, ma i loro gravi problemi motori limitano le loro opzioni. Di conseguenza, fanno molti movimenti involontari, il che significa che non possono utilizzare una sedia a rotelle elettrica convenzionale, quindi fanno affidamento sull’assistenza di altri nei loro viaggi”, afferma il professor Eligast Monpalio del Dipartimento di Scienze della Riabilitazione (KU Leuven). “Il nostro sistema di controllo della sedia a rotelle cambia questo.”

Il sistema operativo si chiama CoMoveIT Smart e funziona su un sistema di controllo della testa con sensori. Questi sensori raccolgono la pressione dalla testa o dai piedi, consentendo all’utente di accelerare. Il movimento a sinistra ea destra viene effettuato tramite i sensori sui piedi. Spesso è necessaria un’assistenza per mettere l’utente sulla sedia, ma da quel momento in poi può controllare la sedia a rotelle in modo completamente indipendente.

Inoltre, CoMoveIT Smart utilizza l’intelligenza artificiale per riconoscere e compensare i movimenti involontari dell’utente. “In questo modo il sistema può adattarsi continuamente al suo utente. In questo modo le persone possono muoversi in modo più fluido e graduale, rispetto al modo scioccante in cui stanno procedendo ora”, afferma Monpalio. “Grazie a questa sedia a rotelle intelligente, possiamo quindi dare a questo gruppo di utenti più indipendenza, partecipazione e qualità della vita”.

READ  Non iniettare Vaxzevria in pazienti con sindrome da perdita capillare sistemica