QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La finale Spagna-Italia provoca una grande sorpresa: “Potrebbero reintrodurre anche quella regola?”

La finale Spagna-Italia provoca una grande sorpresa: “Potrebbero reintrodurre anche quella regola?”

Migos Gauça Molto fastidioso quando i giocatori continuano a resistere durante i calci d’angolo e altre situazioni standard. Reporter Dogplot generale Spero che questo venga risolto presto. Pensa che sia “più importante” della regola utilizzata per ridurre i reclami dei giocatori agli arbitri.

In L’ultimo episodio dell’AD Football Podcast I primi minuti riguardano la partita tra Spagna e Italia. Gli spagnoli hanno fatto una bella figura e hanno dominato i novanta minuti, dimenticandosi però di prendere presto la distanza. Di conseguenza, gli italiani hanno sentito odore di sangue nelle fasi finali. Hanno ottenuto qualche altro calcio d’angolo. Non sono arrivati ​​gol e l’Italia non è mai andata vicina al pareggio, ma Gouka ha notato qualcosa di diverso. “Farò subito un’omissione: potranno introdurre una volta quella regola secondo cui tengono ogni lumaca nei sedici metri salati? Perché li vedi aggrapparsi ai giocatori con tutte le loro forze ad ogni pallone”, ha detto.

Il giornalista nota che gli arbitri non fischiano mai. Giovedì sera l’Italia ha afferrato Dani Carvajal e ha gridato un rigore, ma l’arbitro non ha visto fallo e il videoarbitro ha deciso di non intervenire. “Gli arbitri continuano ad avvertire e ad avvertire. Credo che Kuipers abbia concesso un rigore una volta a Barcellona. Spero che sia rimasto lì. Ma Le Normand, che alla fine si aggrappa a tutti quei giocatori italiani, è ancora furioso se l’arbitro dice qualcosa al riguardo. In realtà, ha solo bisogno di colpire quel punto una volta, e poi potremo sbarazzarcene,” consiglia Koga.

Questa è una delle maggiori preoccupazioni per gli osservatori del Feyenoord. “Cattura, blocca e impicca costantemente le persone. Non capisco perché gli utenti delle regole lo abbiano fatto una volta. Penso che sia andato giù allora, ma è ancora comune. Tutti stanno insieme e si arrabbiano per tutto. Dobbiamo davvero affrontarlo di nuovo. Penso che sia più importante che lamentarsi con gli arbitri”, ha detto Gouka. In vista del Campionato Europeo in Germania, la UEFA ha adottato misure per ridurre/prevenire diversi reclami da parte dei calciatori. Solo i capitani possono ricorrere al risarcimento e gli altri che si lamentano vengono multati.

READ  Il culto fascista non è sempre punibile