QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Germania si oppone al “Green Label” europeo del nucleare

Se dipende dalla Commissione europea, gli investimenti nel gas e nell’energia nucleare ricevono un’etichetta verde, a condizione che siano soddisfatte una serie di condizioni. Ciò è evidente da una proposta inviata agli Stati membri. Il governo tedesco è molto criticato.

La Commissione Europea dovrebbe normalmente stilare un elenco di fonti energetiche che possono essere classificate come benefiche per il clima e l’ambiente entro la fine del 2021. Questa classificazione, “classificazione” nel linguaggio UE, dovrebbe indirizzare gli investitori verso le fonti di energia verde. Tuttavia, la risoluzione è stata revocata nel nuovo anno.

Nel frattempo, la commissione ha preparato la sua proposta. L’agenzia di stampa tedesca (Dpa) ha appreso che l’elenco era stato inviato agli Stati membri, che hanno potuto prendere visione del documento. Anche il gas e il nucleare riceveranno un green mark nella proposta di classificazione, a condizione che siano soddisfatte una serie di condizioni.

termini più severi

Ad esempio, gli investimenti in impianti nucleari riceveranno un green mark solo se verranno utilizzate le ultime tecnologie e se esisterà un piano concreto per il trattamento delle scorie nucleari, che potrà entrare in vigore dal 2050. Inoltre, secondo la commissione, gli impianti dovrebbe ricevere Il nuovo nucleare ha una licenza edilizia entro il 2045 al più tardi.

Per il gas, invece, si applicheranno requisiti più severi in materia di emissioni di CO2. Pertanto, le centrali a gas ancora autorizzate dopo il 2030 non potranno emettere più di 100 grammi di CO2 equivalente per kilowattora di energia prodotta, calcolata sull’intero ciclo di vita dell’impianto.

La proposta è controversa. Lo stato del gas e dell’energia nucleare è stato oggetto di discussioni attive tra i capi di Stato e di governo europei il mese scorso durante il Consiglio europeo di Bruxelles. La Francia e decine di altri paesi sostengono l’energia nucleare perché potrebbe aiutare la transizione dell’Unione europea alla neutralità climatica entro il 2050. Ma Austria e Germania, tra gli altri, sono categoricamente contrari, a causa delle scorie nucleari. E secondo quegli Stati anche il gas dovrebbe avere un ruolo. Emette molto più dell’energia nucleare, ma è più pulito, diciamo, del carbone.

READ  Un tumulto per un video "down" dei colleghi politici di Ben Waits

“Lavaggio verde”

Sabato il ministro dell’Ambiente tedesco Steffi Lemke e il ministro dell’Economia Robert Habeck, entrambi del Partito dei Verdi, hanno reagito in modo molto critico alla proposta della commissione. Habeck parla di “Greenwashing”, e Lemke è stato più attivo, descrivendo come “assolutamente sbagliato che la Commissione Europea voglia includere l’energia nucleare nella classificazione europea delle attività economiche sostenibili”. “L’energia nucleare non potrà mai essere sostenibile”, ha affermato, secondo il sito di notizie Politico.

Il commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton ha dichiarato alla fine dello scorso anno che l’UE potrebbe aver bisogno di gas ed energia nucleare per raggiungere obiettivi climatici ambiziosi. Il comitato delibera sul rating attraverso la cosiddetta legge delega, che è una decisione che dà attuazione alla vigente normativa di rating. Tuttavia, gli Stati membri e il Parlamento europeo possono porre il veto a questa legge delega dopo la presentazione della proposta.

Nel frattempo, la commissione ha preparato la sua proposta. L’agenzia di stampa tedesca (Dpa) ha appreso che l’elenco era stato inviato agli Stati membri, che hanno potuto prendere visione del documento. Anche il gas e il nucleare riceveranno un green mark nella proposta di classificazione, a condizione che siano soddisfatte una serie di condizioni.