QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Grande Macchia Rossa di Giove non è solo ampia, ma anche profonda

Come una torta leggermente oblunga, la Grande Macchia Rossa di Giove è una macchia ovale sul pianeta più grande del sistema solare. Essendo la più grande tempesta contro Giove, cioè in cui l’aria viene spinta attraverso il centro verso la superficie, come parte di un più grande sistema ad alta pressione, è certamente la più grande tempesta del nostro sistema solare, nonché la caratteristica più visibile del gigante gassoso. Come ha detto ai giornalisti giovedì l’investigatore capo della missione Juno della NASA, gli scienziati pensavano che fosse un po’ piatto, come una torta.

Ma secondo nuovi studi, la macchia rossa ovale di Giove sembra in realtà un enorme strato coperto da un coperchio e sciroppo. In altre parole, non è solo 1,25 di larghezza per la Terra, è profondo.

Scott Bolton, che è anche direttore del Dipartimento di Scienze e Ingegneria Aerospaziale presso il Southwest Research Institute di San Antonio, ha spiegato in una conferenza stampa. Bolton ha puntato pochi nuovi studi Questo, sebbene pubblicato di recente su Science, si basa su dati più vecchi di due anni. Quando la sonda spaziale Juno della NASA (che è entrata nell’orbita di Giove nel 2016) ha sorvolato la Grande Macchia Rossa a febbraio e luglio 2019, lo ha fatto per vedere quanto possiamo vedere in profondità questo vortice largo 10.000 miglia sotto le cime delle nuvole.

Hanno appreso, tra le altre cose, che la Grande Macchia Rossa è circa 40 volte più profonda della Fossa delle Marianne, il luogo più profondo dell’oceano terrestre. In effetti, per il primo studio, gli scienziati ritengono che potrebbe essere profondo più di 120 miglia. Nel secondo studio, i ricercatori hanno previsto che potrebbe raggiungere una profondità massima di oltre 300 miglia.

READ  Annunciati ufficialmente Huawei P50 e P50 Pro

Vuoi ricevere più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


L’implicazione principale qui è che l’atmosfera interna e profonda di Giove può essere collegata da processi che non sono ancora stati compresi. Se è così, questo suggerisce che Giove – che è 11 volte più grande della Terra – potrebbe ospitare eventi meteorologici su scala più ampia di quanto gli scienziati si aspettassero in precedenza. In entrambe le stime, la Grande Macchia Rossa si estende ben oltre la regione dell’atmosfera di Giove, dove gli scienziati ritengono che l’acqua e l’ammoniaca si siano condensate in nubi.

Marzia Barizzi, ricercatrice presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California: “La Grande Macchia Rossa è profonda quanto la Stazione Spaziale Internazionale è profonda quanto la Stazione Spaziale Internazionale sopra le nostre teste”. corrispondenti. Tuttavia, la Grande Macchia Rossa è ancora meno profonda dei giganteschi pneumatici da vento che la alimentano, con quelle regioni che si estendono fino a profondità di oltre 1.800 miglia.

Oltre a scoprire di più sulla Grande Macchia Rossa, la missione Juno ha anche scoperto che Giove ha cinque tempeste cicloniche al Polo Sud e otto al Polo Nord. Di conseguenza, quest’ultimo ha la forma di un pentagono e il primo ha la forma di un ottagono. Giunone ha anche osservato i 16 modelli di circolazione del vento nell’atmosfera di Giove che funzionano allo stesso modo Cellule di Ferrell sulla Terra (Ce ne sono solo due.) Mentre le cellule terrestri di Ferrell si estendono per 6 miglia dalla superficie, Giove inizia al livello delle sue nuvole e si estende per almeno 200 miglia verso il basso.

READ  Piccoli elicotteri hanno percorso miglia nell'aria rarefatta di Marte e hanno raggiunto un livello record

La Grande Macchia Rossa è stata una calamita per gli umani per quasi due secoli, come è stata osservata per la prima volta nel 1831. Da allora, gli astronomi hanno notato che questa caratteristica attraente è cambiata di dimensioni, apparentemente negli ultimi anni. restringersi. Sebbene fosse il doppio del diametro della Terra nel 1979, si ridusse di circa un terzo nei successivi 42 anni. Nonostante faccia parte del gigante gassoso, la Grande Macchia Rossa potrebbe ridursi fino a scomparire. Al momento contiene ancora molti misteri.