QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La guardia del corpo di “Tinder Swindler” chiede danni a Netflix, scuse TV

televisionePiotr, la guardia del corpo di “Twinder Swindler” Simon Leviev, chiede scuse a Netflix e chiede 5 milioni di dollari di danni per le accuse che il servizio di streaming lo ha interpretato in modo impreciso. Inoltre, afferma di essere stato ingannato da Leviev.




Piotr Kaluski è ritratto nel documentario come il braccio destro di Simon Leviev, che era sempre con lui quando scriveva alle sue vittime chiedendo loro di depositare denaro per sfuggire ai suoi “nemici”. Leviev inviava spesso alle donne foto di Peter insanguinato e maltrattato per dimostrare che non era al sicuro e aveva bisogno dei loro soldi per scappare.

Lo stesso Piotr non è apparso nel documentario, ma ora ha assunto un avvocato per gestire Netflix. In una lettera del suo avvocato a Netflix, ottenuta da TMZ, chiede 5 milioni di euro e vuole che la piattaforma di streaming rimuova il docu da internet. Infine, chiede anche scuse pubbliche. Peter afferma di non aver fatto nulla di male e che Leviev gli deve ancora dei soldi. Dovrebbe ricevere altri 10.000 euro da Leviev per i servizi resi.

Il suo avvocato ha scritto: “L’uso abusivo dell’immagine del mio cliente nel contesto del film, le accuse di sfruttamento finanziario delle donne e i suggerimenti fatti sul possibile coinvolgimento di Peter in tali atti hanno contribuito all’entità del danno arrecatogli”. il cliente non era coinvolto nella produzione del progetto e non era a conoscenza delle attività Finanze dell’imprenditore. “Non può essere collegato in alcun modo alle accuse fatte”, ha detto il suo avvocato. Netflix deve ancora rispondere.

READ  Le ragazze di Atomic Kitten cantano una canzone in |. Per la prima volta in 15 anni Showbiz

Leggi anche

Dopo la truffa di Tinder: Tinder Swindler ora sta facendo soldi con un’altra app

Il famigerato Simon Leviev nega di essere un “truffatore di Tinder” in una nuova intervista: “È tutto fatto”

Tinder blocca “Tinder Swindler” dalla piattaforma dopo che il documentario è stato mostrato su Netflix