QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La leggendaria star degli scacchi chiede milioni di dollari a Netflix per The Queen’s Gambit: “Ho giocato bene contro gli uomini”

Nell’ultimo episodio di Netflix beat La mossa della regina Un presentatore del Moscow Chess Championship afferma che Nonna Gabrindashvili “non ha mai giocato contro gli uomini” nella sua carriera, rendendo “unica” la presenza del personaggio immaginario Beth Harmon, interpretato da Anya Taylor-Joy. Ma non ha senso, dice Gabrindashvili, che ha accusato Netflix in un’accusa di 25 pagine di “bugie distruttive” per “l’obiettivo economico e cinico di amplificare il dramma”.

“Stavano cercando di creare un personaggio immaginario che aprisse la strada ad altre donne, mentre io ho davvero aperto quel percorso e ispirato generazioni di persone”, ha detto Gabrindashvili. New York Times. “Questo è un paradosso.”

Il quotidiano americano cita un articolo dal proprio archivio, che descrive come Gaprindashvili sconfisse sette giocatori di scacchi del mondo in un campionato svedese nel 1968. Nel libro su cui si basa la serie, la carriera di Gaprindashvili è descritta correttamente.

La leggenda degli scacchi ha fatto causa a Netflix. Chiede milioni di dollari all’azienda perché subirebbe un danno professionale da questa “esperienza umiliante”. Nei primi mesi dopo la prima, più di 62 milioni di famiglie si sono unite La mossa della regina. Gabrindashvili gioca ancora in tornei importanti alla sua età, e spesso gli viene in mente la scena. Vuoi anche che Netflix rimuova la frase dalla serie.

Netflix afferma di avere “il massimo rispetto” per Gaprindashvili e “la sua illustre carriera”, “ma riteniamo che questa affermazione sia infondata e difenderà il caso con forza”.

quando ci vedono

In primavera, la società ha risposto allo stesso modo quando un ex procuratore generale di New York ha fatto causa alla società per la serie. quando ci vedono. Questo dramma, “Basato su una storia vera”, è incentrato su cinque persone di colore che sono ingiustamente accusate di stupro. La donna ha detto che non sono stati dichiarati colpevoli di altri reati, il che, ha detto, non ha reso ingiusto l’inseguimento dei cinque come appare nella serie.

Questi tipi di esempi si sono accumulati negli ultimi anni. Alla fine dello scorso anno, le bugie giacciono nella quarta stagione di la corona Sotto il fuoco dei media britannici. Anche le stagioni precedenti non corrispondevano del tutto ai fatti, ma sarebbe meno problematico perché è successo in passato. Lo scrittore ed editorialista Simon Jenkins ha scritto nel suo libro: guardiano. “La realtà viene dirottata come propaganda e una vile violazione della libertà artistica”, ha detto.

Nel 2016, il figlio di Pablo Escobar ha descritto 28 bugie nella seconda stagione della serie NarcosSulla violenza contro la droga in Colombia negli anni ’80 e ’90. Ad esempio, sua madre non ha sparato a nessuno, suo zio non è uno spacciatore e suo padre non è un tifoso dell’Atlético Nacional, ma il grande concorrente Independiente Medellin. Escobar Jr. ha chiesto retoricamente: “Se gli sceneggiatori non conoscono nemmeno la squadra preferita di Pablo, come osano raccontare il resto di una storia del genere e venderla come merce?”

READ  È ufficiale: The Expendables 4 è stato annunciato con Megan Fox