QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La maggior parte delle reazioni allergiche dopo la prima vaccinazione

Tutti i pazienti con gravi sintomi allergici sono stati trattati e guariti. La maggior parte di questi tipi di reazioni si è verificata in donne di età inferiore ai 60 anni. In metà delle 348 segnalazioni, i vaccini hanno mostrato sintomi entro 30 minuti dalla somministrazione del vaccino.

persone che stanno con Primo colpo Coloro che hanno mostrato reazioni gravi, sono stati quindi in grado di ricevere il secondo vaccino sotto controllo ospedaliero. Tutto è andato bene in generale, ha riferito il mese scorso la Società olandese di allergia e immunologia clinica (NVvAKI). A quel tempo, l’associazione ha anche affermato che la reazione a volte violenta dopo la prima iniezione non si è rivelata un’allergia, ma, ad esempio, una reazione di stress.

gravi reazioni allergiche

Larp afferma anche che è possibile che le persone abbiano sintomi coerenti con gravi reazioni allergiche, senza un’allergia dimostrabile. “Questo non significa che questa reazione non sia grave come una reazione allergica”, ha detto la portavoce. Inoltre, è possibile che ci siano più casi di reazione allergica perché non tutti i casi sono stati segnalati al Centro ADR.

Secondo la portavoce, “non è sorprendente” che la maggior parte delle segnalazioni che Larp riceve avvenga dopo la prima iniezione. “È possibile che le persone che ottengono una reazione riescano a farlo bene al primo colpo”, spiega il portavoce. “È anche possibile che le persone lo riportino meno con il secondo scatto”.

Delle 348 segnalazioni, 88 reazioni erano coerenti con l’anafilassi. Questa è una reazione grave accompagnata da una combinazione di sintomi, come arrossamento, eruzione cutanea, gonfiore della gola, della bocca o degli occhi, oppressione toracica, pressione sanguigna bassa o battito cardiaco accelerato.

READ  Meno focolai di malattie di origine alimentare nel 2020

A cura di: ANP