QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La musica è nei nostri geni

La musica è una parte importante della mia vita. La radio è sempre in funzione a casa e partecipo a molti concerti e festival. Anche se non suono uno strumento, ho ancora il coraggio di chiamarmi musica. Cantare ad alta voce e (un po ‘) in modo pulito con le mie band preferite va bene.

Quindi il libro di Michael Spitzer The Musician mi è sembrato perfetto. Spitzer, professore di musica presso l’Università di Liverpool, promette di portare il lettore in un viaggio emozionante attraverso la storia della musica dalla preistoria ai giorni nostri, sostenuto dalle scoperte scientifiche che hanno portato alla nostra attuale cultura musicale. Una promessa impressionante, in cui il mondo della musica alla fine è riuscito parzialmente.

Sentimenti

È bello leggere che a così tanti livelli, la musica è intrecciata con le nostre azioni e il modo in cui emozioni e musica sono collegate. Ma anche la storia pura è interessante e fornisce nuove intuizioni. Ad esempio, l’ispirazione per la nostra musica viene spesso dalla natura e gli umani preistorici hanno fatto i primi battiti battendo insieme la pietra focaia. E il modo in cui i recettori mediante i quali i pesci rilevano il movimento è simile al modo in cui i loro centri uditivi elaborano i suoni.

Presentato dalla redazione

Economie

L’epidemia potrebbe portare a “nuovi insieme”?

biologia

Nel 2051, la carenza di organi sarà un ricordo del passato

biologia

Perché NEMO Kennislink partecipa a “l’animale come donatore”

Sfortunatamente, Spitzer tende a impantanarsi nei dettagli qua e là. Ad esempio, avrebbe potuto escludere la spiegazione di tutti i termini musicali indiani antichi, e il primo capitolo, di cinquanta pagine, sulla visione di base del libro, è molto ampio. Il libro inizia davvero dopo questo, quando il mondo della musica inizia a parlare della musica che sviluppiamo durante le nostre vite. Qui descrive scoperte scientifiche speciali, come differenze biologiche nel cervello di persone che suonano attivamente musica e persone che non lo fanno. E come facciamo noi giovani ad ascoltare musica che migliora l’umore – facciamo musica arrabbiata quando siamo irritabili – mentre siamo vecchi facciamo il contrario e ascoltiamo musica felice quando siamo tristi.

READ  "Quanti soldi vogliamo spendere per sconfiggere il cancro?"

Teoria della musica

Durante la lettura, noto che Spitzer assume una certa conoscenza musicale teorica del lettore. Per qualcuno che non suona uno strumento e non fa nulla con la notazione musicale, non è sempre chiaro di cosa sta parlando. Ciò potrebbe anche essere dovuto alla sua apparente forte preferenza per la musica classica. A volte spiega termini come terze, quinte e disegno, ea volte no, e gli esempi che cita provengono quasi sempre dal regno classico, quindi non puoi sempre seguire la logica come persona relativamente normale.

Tuttavia, ci sono abbastanza parti eccitanti e sorprendenti di De Muzikale Mens che ti faranno dimenticare quelle più difficili. Spitzer sa molto bene come spiegare come la musica abbia svolto un ruolo molto importante nel corso della storia. Secondo il musicologo, probabilmente è iniziato con i precedenti popoli di cacciatori-raccoglitori che apparentemente avevano cantato tra loro un flusso non organizzato di parole e suoni per comunicare su distanze più lunghe. Ma quando gli umani si sistemarono, furono in grado di sviluppare strumenti più grandi e la musica assunse sempre più una forma e una funzione sociale fisse.

Questo si è evoluto ulteriormente e può essere fatto risalire nel corso della storia attraverso i resti di strumenti musicali e le prime sottili forme di notazione musicale. È divertente vedere come in tempi precedenti di pace e progresso fosse possibile trovare così tanti schizzi di persone che facevano musica e più resti degli strumenti trovati, mentre i tempi di guerra lasciavano meno tracce musicali. Sebbene ovviamente l’evoluzione esatta sia difficile da accertare, Spitzer persegue l’idea che la musica si sia sviluppata attraverso i popoli e le religioni egiziane, greche ed ebraiche in una forma che ora possiamo ragionevolmente riconoscere.

READ  Dopo l'India, ora anche le organizzazioni umanitarie mettono in guardia sulla situazione di Corona nell'Africa subsahariana

Imitazione di compositori

La musica che ascolteremo in futuro è fatta dall’intelligenza artificiale?

Oltre al passato, getta anche un’interessante visione del futuro. Potrebbe essere pieno di algoritmi che generano canzoni personalizzate in base al nostro gusto musicale e alla nostra intelligenza artificiale che i grandi compositori del passato e del presente sanno imitare. I musicisti diventeranno quindi ridondanti? Fortunatamente, Spitzer è in grado di rassicurare se stesso e noi: la musica fatta da macchine (ancora) può evocare le stesse emozioni della musica con cui gli umani hanno familiarità.

Spitzer è preoccupato che sempre meno persone stiano facendo musica da soli, ma solo ascoltandola “passivamente”, e si preoccupa anche che l’intelligenza artificiale consentirà a questa tendenza di continuare. Ma non credo proprio che debba avere paura, perché questa esperienza di ascolto non è quasi mai negativa. Canta insieme, muovi la testa al ritmo: anche quando ascolti un concerto su una sedia, la musica ti colpisce.

Indipendentemente da come sarà la musica in futuro, penso che questo libro mostri almeno che la musica è una parte vitale della nostra storia e che non perderemo mai questa parte completamente in questo modo. Comunque, contribuirò a questo. Al prossimo concerto canterò e ballerò il più forte possibile, cercando di vivere la musica come facevano i nostri antenati.