QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La NASA condivide la prima prova di un pianeta oltre la nostra galassia

Gli astronomi affermano di aver trovato, per la prima volta, la prova di un pianeta in orbita attorno a una stella al di fuori della nostra Via Lattea.

Le prove sono state osservate attraverso un telescopio della NASA. Si chiama Osservatorio a raggi X Chandra. La NASA afferma che l’Osservatorio orbitale è il telescopio a raggi X più potente del mondo.

Le lingue della NASA annunciare L’osservatorio potrebbe aver scoperto un nuovo pianeta nella galassia noto come Messier 51 o M51. La galassia è conosciuta come una galassia vortice. ultima ricerca tappeto nella posta astronomia naturale.

Considerato un potenziale pianeta pianeta extrasolare. Questi sono pianeti in orbita attorno a una stella al di fuori del nostro sistema solare.

La NASA afferma che finora ci sono più di 4.500 esopianeti Esplorare È considerato “certo”. Erano presenti migliaia di altri esopianeti “candidati” l’ho trovato, ma richiede ulteriori studi.

Una rappresentazione artistica del primo pianeta candidato identificato al di fuori della nostra galassia, la Via Lattea, è mostrata accanto alla galassia M51. (Crediti: raggi X: NASA/CXC/SAO/R. DiStefano, et al.; ottica: NASA/ESA/STScI/Grendler)

Ma tutto questo si osserva nella Via Lattea. Quasi tutti si trovano “a meno di 3000 anni luce dalla Terra”, afferma la NASA. Gli scienziati stimano che un esopianeta nella galassia M51 sarebbe molto lontano, circa 28 milioni di anni luce di distanza.

È difficile per i telescopi identificare gli esopianeti. Questo perché la luce brillante delle stelle che orbitano intorno a loro può mascherarli. Il processo di riconoscimento prevede la ricerca di goccioline nei livelli di luce stellare. Queste goccioline possono essere causate da un pianeta che passa davanti a una stella.

READ  Come i detriti spaziali sono diventati un'arma geopolitica

Questo metodo è stato utilizzato in precedenti osservazioni dei telescopi della NASA Per confermare l’esistenza dei pianeti Attraversare le stelle. Questi movimenti – pianeti che bloccano parzialmente la luce delle stelle – sono chiamati “moti di transito”.

L’ultima scoperta della NASA si basa sul transito rilevato dall’Osservatorio a raggi X Chandra. Ma a differenza di altri telescopi della NASA che cercano goccioline nella luce visibile, Chandra è progettato per rilevare i raggi X.

In una dichiarazione, la NASA ha affermato che l’osservatorio sta “cercando cali nella luminosità dei raggi X da binari a raggi X luminosi”. Queste stelle binarie sono definite come sistemi luminosi che contengono tipicamente una stella di neutroni o un buco nero che preleva gas da una stella vicina. Una stella di neutroni è il risultato inimmaginabilmente denso di una stella gigante che collassa da sola.

I ricercatori hanno affermato che l’attività delle stelle binarie provoca il riscaldamento del materiale vicino alla stella di neutroni o al buco nero. irradiare sui raggi X. Tuttavia, l’area che produce i raggi X è piccola. Hanno aggiunto che è così piccolo che un pianeta che gli passa davanti potrebbe bloccare la maggior parte o tutti i raggi X.

Questa illustrazione mostra l’Osservatorio a raggi X Chandra, che la NASA sostiene sia il telescopio a raggi X più potente del mondo. Ha una precisione otto volte maggiore ed è in grado di rilevare sorgenti 20 volte più deboli di qualsiasi precedente telescopio a raggi X.

Questo metodo può rendere possibili gli esopianeti”.Possono essere rilevati a distanze molto maggioriAltri sistemi di ricerca della luce che dipendono da essa Visibile ha detto una dichiarazione della NASA.

READ  Il design del Motorola Edge 20 può essere visto nei rendering trapelati

Roseanne Di Stefano è un’astrofisica presso l’Harvard and Smithsonian Center for Astrophysics a Cambridge, Massachusetts. In una dichiarazione, ha affermato che il team di ricerca voleva “aprire un campo completamente nuovo”. Arena Per trovare altri mondi cercando pianeti candidati con lunghezze d’onda dei raggi X.”

Di Stefano ha aggiunto che tali metodi potrebbero essere utilizzati in futuro per scoprire altri nuovi pianeti in galassie lontane.

I ricercatori affermano che sono necessari più dati per confermare la visione come un vero “esopianeta”. Un problema, dicono, è che la Terra candidata ha una grande orbita. Ciò significa che non dovrebbe avere il suo partner binario per almeno 70 anni, salvo tentativi di conferma a breve termine.

Tuttavia, uno dei coautori dello studio ha affermato che il team è molto bravo di fiducia con i suoi risultati. “Sappiamo che stiamo facendo qualcosa di eccitante e In grassetto in grassetto “Pensiamo di avere un caso forte, e quel processo è il modo in cui funziona la scienza”, ha detto Julia Berndson della Princeton University, New Jersey.

Sono Brian Lynn.

Bryan Lynn ha scritto questa storia per VOA Learning English, basata sui rapporti della NASA e di Nature Astronomy. Mario Ritter Jr. era l’editore.

Vogliamo sentire da voi. Scrivici nella sezione commenti, e Visita la nostra pagina Facebook.

Test – La NASA condivide la prima prova di un pianeta al di fuori della nostra galassia

Test - La NASA condivide la prima prova di un pianeta al di fuori della nostra galassia

Inizia il quiz per trovare la risposta

______________________________________________

Le parole di questa storia

Rilevare – Quinto. Scopri o nota qualcosa

irradiare – Quinto. Per produrre una luce morbida e calda

Visibile -religione. Relativo alla luce o al suo utilizzo, in particolare la luce che può essere vista dall’occhio umano

Arena – n. Un luogo di attività, discussione o conflitto

di fiducia Sono sicuro che sei bravo in cose

In grassetto in grassetto Non aver paura di rischiare