QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La NATO rafforza il suo sostegno all’Ucraina e descrive la Cina come un “facilitatore critico” della guerra russa in Ucraina

La NATO rafforza il suo sostegno all’Ucraina e descrive la Cina come un “facilitatore critico” della guerra russa in Ucraina

L’Organizzazione del Trattato assumerà presto un ruolo di coordinamento nel sostegno militare all’Ucraina. A tal fine, l’Alleanza sta lanciando la cosiddetta “Assistenza alla sicurezza e formazione della NATO per l’Ucraina” (NSATU) per coordinare la fornitura di equipaggiamento militare alle Forze armate ucraine e il loro addestramento.

L’obiettivo è rendere il sostegno all’Ucraina più prevedibile e istituzionalizzato. Come già annunciato, sarà istituito un comando NATO in una base americana in Germania e nei centri logistici nell’est dell’alleanza, con circa 700 effettivi.

Gli alleati hanno inoltre concordato di fornire almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina nel corso del prossimo anno. Questo impegno sarà valutato durante il vertice NATO del 2025 all’Aia, nei Paesi Bassi.

Questo importo corrisponde all’aiuto annuale che gli Stati membri hanno già fornito all’Ucraina dall’inizio dell’invasione russa. Gli alleati hanno concordato la chiave per condividere gli oneri.

“Non lo stiamo facendo perché vogliamo prolungare la guerra”, ha affermato Jens Stoltenberg, segretario generale dell’Organizzazione del Trattato. “Lo stiamo facendo perché vogliamo porre fine alla guerra il più rapidamente possibile”.

“Sosterremo l’Ucraina pianificando e coordinando le donazioni e gestendo il trasferimento e il recupero delle attrezzature”, ha affermato il Segretario generale della NATO. “Forniremo anche sostegno allo sviluppo a lungo termine delle forze armate ucraine”, ha aggiunto.

Stoltenberg ha sottolineato ancora una volta che l’assistenza fornita dall’Organizzazione del Trattato all’Ucraina non rende la NATO parte del conflitto. Tuttavia, questo sostegno aiuterà l’Ucraina a esercitare il suo “diritto all’autodifesa”. È stato anche nominato rappresentante della NATO a Kiev.