QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La NATO risponde con maggiore sostegno dopo l’attacco informatico ai siti web del governo ucraino

Diversi siti web del governo ucraino sono stati vittime di un attacco informatico su larga scala. L’attacco deve ancora essere annunciato, ma la NATO sta già aumentando la sua assistenza all’Ucraina per contrastare gli attacchi informatici.

La NATO sta arrivando per aiutare l’Ucraina a respingere l’attacco informatico di venerdì e forse il prossimo attacco. Il segretario generale Jens Stoltenberg ha affermato che gli esperti della NATO a Bruxelles stanno scambiando informazioni con i loro colleghi ucraini e anche gli esperti dei paesi della NATO stanno aiutando immediatamente.

Il segretario generale della Nato condanna l’attacco, che ha portato alla chiusura di diversi siti web del governo. Non è ancora chiaro chi abbia contribuito a questo, ma il capo degli affari esteri dell’Unione europea Josep Borrell ha già accennato di essere sospettato della Russia. Mosca usa da mesi il linguaggio della guerra contro Kiev e ha ammassato decine di migliaia di soldati al confine con il paese vicino.

Ciò includeva i siti Web del Dipartimento dell’istruzione e della scienza, del Dipartimento di Stato, del Dipartimento dell’energia, del governo e dei servizi di emergenza che non erano accessibili. “I nostri esperti sono pronti a ripristinare il lavoro dei sistemi informatici e la polizia ha aperto un’indagine”, ha detto il portavoce.

commissione

Prima di bloccare l’accesso al sito web del Dipartimento di Stato, gli autori hanno pubblicato un messaggio in ucraino, russo e polacco sulla home page. Ucraini, temete e preparatevi al peggio. Tutte le tue informazioni personali sono state caricate sul web.”

“Messaggi provocatori sono stati pubblicati sulle pagine principali di questi siti, ma il contenuto di tali siti non è stato modificato e non vi è stata alcuna fuga di dati personali, secondo le informazioni disponibili”, hanno affermato i servizi di intelligence ucraini. “Molti dei sistemi di governo interessati sono già stati ripristinati e il resto sarà di nuovo accessibile molto presto”, ha aggiunto.

READ  L'Ecuador amplia la riserva naturale intorno alle Isole Galapagos | all'estero

Gli ucraini si preparano all’invasione con pistole di legno

Non è ancora chiaro chi ci sia dietro gli attacchi. La lettera si concludeva con una vaga affermazione che si trattava di vendetta per “Wolynya, l’Organizzazione dei nazionalisti ucraini, l’Esercito di resistenza ucraino, la Galizia, la Polisia e i paesi storici”, ha scritto l’agenzia di stampa olandese ANP. Volinia, Galizia e Polisia sono regioni situate nelle regioni di confine di Ucraina, Polonia, Bielorussia e Russia. L’Organizzazione dei nazionalisti ucraini e il risultante esercito di resistenza ucraino erano organizzazioni di estrema destra prima e durante la seconda guerra mondiale.

Fuori la gamba di Vladimir Putin | La Sfinge rilancia la scommessa

presenza ostile

L’Ucraina è stata più volte bersaglio di attacchi informatici russi negli ultimi anni: nel 2017 sono state prese di mira infrastrutture critiche e nel 2015 un attacco ha preso di mira la rete elettrica. Le relazioni tra Ucraina e Russia, che si sono drammaticamente deteriorate dal 2014, sono in bilico tra le crescenti tensioni.

Dopo le consultazioni di crisi tra i russi e gli americani a Ginevra e tra i russi e la NATO a Bruxelles, i colloqui si sono svolti giovedì all’interno dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) a Vienna. L’Occidente accusa Mosca di aver preparato un attacco al suo vicino. La Russia sostiene che il dispiegamento dell’esercito nella regione di confine è semplicemente una risposta alla presenza sempre più ostile della NATO in un’area che, secondo i russi, rientra nella loro sfera di influenza. Mosca insiste sul fatto che non ci sono piani per invadere l’Ucraina.